COMMISSIONE EUROPEA

Bruxelles, 14.9.2011

COM(2011) 555 definitivo

2011/0239 (COD)

Proposta di

DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

recante modifica della direttiva 2008/106/CE del Parlamento europeo e del Consiglio,

concernente i requisiti minimi di formazione per la gente di mare

 

RELAZIONE

1. CONTESTO DELLA PROPOSTA

1.1. Sintesi

La Convenzione internazionale sulle norme relative alla formazione della gente di mare, al

rilascio dei brevetti ed alla guardia (la convenzione STCW) è stata conclusa nel 1978 tra gli

Stati che sono membri dell'IMO (Organizzazione marittima internazionale, l'agenzia delle NU

competente in materia di norme internazionali sulla navigazione). La convenzione si occupa

dei requisiti relativi alla formazione della gente di mare (principalmente gli ufficiali) e dei

relativi brevetti.

La convenzione STCW è stata sostanzialmente modificata nel 1995ed è stata incorporata nel

diritto comunitario con la direttiva 94/58 concernente i requisiti minimi di formazione per la

gente di mare1. In effetti, le norme UE sulla sicurezza marittima sono in larga misura allineate

sulle norme internazionali.

La direttiva 94/58 è stata modificata diverse volte e infine sostituita dalla direttiva 2001/25,

a sua volta sostituita dalla direttiva 2008/106, attualmente in vigore2. Con il passare del tempo

le norme UE sono state modificate, principalmente al fine di recepire gli emendamenti alla

convenzione STCW, ma anche per sviluppare e perfezionare un sistema di riconoscimento

della gente di mare la cui formazione è avvenuta fuori dall'UE. Il riconoscimento delle

formazioni impartite fuori dall'UE è infatti una questione fondamentale in una attività come la

navigazione marittima, globalizzata ormai da quarant'anni.

In questo contesto, nel 2007 l'IMO ha avviato un esame approfondito della convenzione

STCW al quale hanno attivamente contribuito sia la Commissione che gli Stati membri e che

si è concluso con l'adozione di una serie di importanti modifiche, decise dagli Stati che ne

sono parti contraenti, alla conferenza di Manila il 25 giugno 2010.

Le modifiche di Manila alla convenzione entreranno in vigore il 1° gennaio 2012. A decorrere

da tale data la formazione nel settore marittimo dovrà ottemperare a nuovi requisiti. Dato che

anche gli Stati membri dell'UE sono parti contraenti alla convenzione e nessuno di loro si è

opposto alle modifiche di Manila, essi dovranno adeguare la propria legislazione al nuovo

testo della convenzione. Inoltre anche il diritto UE dovrebbe allinearsi alle norme

internazionali, come è avvenuto finora e allo scopo di evitare eventuali conflitti tra gli

obblighi internazionali e quelli a livello UE degli Stati membri. L'allineamento alle norme

internazionali è appunto l'obiettivo della presente proposta, che comprende anche alcuni

aspetti diretti a cogliere l'occasione della presente proposta legislativa per snellire in una certa

misura la direttiva STCW.

Questi aspetti riguardano l'introduzione dell'obbligo per gli Stati membri di trasmettere alla

Commissione, per fini statistici, le informazioni già esistenti relative ai brevetti e allungare la

 durata di un termine attualmente impraticabile previsto dalla procedura di riconoscimento dei

sistemi STCW dei paesi terzi.

1.2. La convenzione STCW

È ben noto il carattere internazionale della navigazione marittima. Ciò comporta anche il

formarsi di equipaggi che sono stati addestrati in paesi e secondo sistemi diversi e che si

trovano ad operare a bordo della stessa nave. A questo riguardo è fondamentale che tutti i

membri dell'equipaggio abbiano le capacità necessarie per eseguire i loro compiti in modo

sicuro. La formazione, in effetti, svolge un ruolo importante nella sicurezza marittima.

Per questo motivo nel 1978, le parti dell'Organizzazione marittima internazionale (IMO) al

fine di "promuovere la sicurezza della vita in mare e la tutela dell'ambiente marino istituendo

di comune accordo norme internazionali relative alla formazione, al rilascio dei brevetti e alla

guardia per la gente di mare" hanno adottato la Convenzione internazionale sulle norme

relative alla formazione della gente di mare, al rilascio dei brevetti ed alla guardia

("la convenzione STCW"), che è entrata in vigore nel 1984.

Tale convenzione prevede norme minime che gli Stati parti contraenti sono tenuti a

rispettare o superare. Come già ricordato, la convenzione STCW è stata sostanzialmente

modificata nel 1995 e nel 2010.

Per quanto riguarda la struttura e il contenuto della convenzione, mentre gli articoli

introduttivi contengono i principi generali e le disposizioni sull'entrata in vigore e le

procedure di modifica, l'allegato tecnico, composto da "regole", contiene i requisiti in materia

di formazione, qualifiche e brevetti per le varie posizioni da assumere sulla nave (come

"comandante", "secondo ufficiale", ecc.). Un altro allegato alla convenzione, il "Codice",

contiene nella Parte "A" delle tabelle dettagliate con una descrizione precisa delle diverse

specializzazioni (ad esempio, posizionamento, manovra, movimentazione delle merci) che i

candidati alle diverse posizioni a bordo devono apprendere e che devono essere esaminate

dagli organi competenti. Infine, la Parte "B" del codice contiene delle direttive sull'esecuzione

del complesso delle regole STCW. La Parte "B" del codice è la sola parte della convenzione

che non è legalmente vincolante per gli Stati che ne sono parte.

In questo contesto la revisione del 2010 della convenzione mirava, da un lato, a migliorarne le

disposizioni esistenti (ad esempio, rendendo più severe le norme sulla prevenzione delle frodi

e gli standard di idoneità fisica) e, dall'altro, ad adeguarla ai più recenti sviluppi della

tecnologia.

Le modifiche di Manila hanno inoltre introdotto una serie di nuovi aspetti, come i requisiti di

formazione per "marittimi esperti" e "ufficiali elettrotecnici", che non figuravano nella

versione precedente della convenzione.

1.3. Le direttive STCW

Fin dalla loro introduzione, le norme UE sulla formazione e la certificazione della gente di

mare hanno perseguito un duplice obiettivo:

1) stabilire standard minimi comuni per la formazione dei marittimi imbarcati su navi

battenti bandiere dell'UE, sulla base di standard internazionali;

2) garantire che i marittimi imbarcati su navi battenti bandiere dell'UE e titolari di brevetti

rilasciati da paesi non UE abbiano ricevuto una formazione adeguata.

Questi due aspetti sono interconnessi nelle varie direttive che hanno fatto seguito a quella del

1994 sulla formazione minima della gente di mare, che ha incorporato per la prima volta la

convenzione STCW nel diritto UE, mentre le norme UE sono state successivamente

modificate seguendo le modifiche apportate alla convenzione STCW.

In tal modo la direttiva 94/58 è stata modificata dalla direttiva 98/35/CE, che

recepiva le modifiche apportate nel 1995 alla convenzione, e successivamente sostituita dalla

direttiva 2001/25 che introduceva una procedura per il riconoscimento dei brevetti della gente

di mare rilasciati da paesi terzi. Sono seguite tre successive modifiche, introdotte dalla

direttiva 2002/84 (che definisce la procedura dei comitati per il riconoscimento di certificati di

paesi terzi), dalla direttiva 2003/103 (che prevede una nuova procedura per il riconoscimento

di certificati di paesi terzi), dalla direttiva 2005/23 (che introduce dei requisiti per la gente di

mare in servizio a bordo di navi passeggeri) e dalla direttiva 2005/45

(relativa al riconoscimento reciproco dei certificati rilasciati dagli Stati membri). Infine, la

direttiva 2008/106 ha sostituito la direttiva 2001/25, introducendo nuovi elementi in relazione

alla procedura dei comitati.

Le linee principali di questo quadro legislativo in via di evoluzione possono essere riassunte

come segue, tenendo conto dei tre obiettivi politici indicati sopra:

1) Sono state stabilite delle norme comuni per la formazione della gente di mare in servizio a

bordo di navi battenti bandiere dell'UE, che riproducono quelle stabilite nella convenzione

STCW. Tale norme, una volta incorporate nel diritto UE, e quindi divenute parte di esso,

sono interpretate e attuate secondo i principi di tale ordinamento e, se necessario, fatte

applicare come ogni altra norma del diritto UE. A norma della direttiva attualmente in

vigore, se vengono apportate modifiche minori alla convenzione STCW, la stessa direttiva

può essere aggiornata attraverso una procedura dei comitati; se vengono adottate

importanti modifiche a livello internazionale, si rende necessario aggiornare quella in

vigore, come nel caso presente.

2) Riconoscimento di paesi terzi. Dopo la creazione dell'Agenzia europea per la sicurezza

marittima (EMSA), la Commissione ha ottenuto il sostegno necessario per acquisire una

conoscenza accurata dei sistemi di formazione e certificazione della gente di mare dei

paesi non UE. La Commissione è stata quindi incaricata della valutazione di tali sistemi

attraverso la direttiva 2003/103. In particolare, la Commissione ha il compito di valutare,

con l'assistenza dell'EMSA, l'ottemperanza di paesi terzi ai requisiti della convenzione

STCW.

3) Il riconoscimento di un paese terzo, che deve essere richiesto da uno Stato membro,

avviene nel modo seguente: anzitutto, l'EMSA effettua un'ispezione a terra del sistema e

delle strutture di formazione e certificazione marittima, allo scopo di raccogliere le prove

della conformità alle norme della convenzione STCW; successivamente, sulla base dei

risultati dell'ispezione e della documentazione trasmessa dal paese terzo in questione, i

servizi della Commissione valutano la conformità alla convenzione STCW del sistema.

La fase di valutazione della conformità può comportare una serie di contatti con il paese

terzo interessato, che può voler introdurre correzioni alla propria legislazione o pratiche

per adeguarsi alle raccomandazioni della Commissione. Il tempo necessario a questo fine

dipende dalla natura e dall'ampiezza di tali correzioni e dagli sforzi fatti dal paese in

questione. Alla fine di questo processo la Commissione trasmette un progetto di decisione

(con la quale riconosce il paese o ritira il proprio riconoscimento) agli Stati membri per

parere, nel quadro di una procedura dei comitati. La decisione è infine adottata dalla

Commissione e pubblicata nella Gazzetta ufficiale. Il riconoscimento della Commissione

significa che uno Stato membro può riconoscere i certificati rilasciati dal paese

riconosciuto e che la gente di mare di tale paese avrà diritto di lavorare a bordo di navi

battenti bandiera di tale Stato membro. Gli Stati membri, tuttavia, non hanno l'obbligo di

riconoscere i certificati di tali paesi, nonostante il riconoscimento da parte della

Commissione. Viceversa, la gente di mare proveniente da paesi non riconosciuti non è

autorizzata a lavorare a bordo di navi battenti una bandiera UE.

2. ELEMENTI GIURIDICI DELLA PROPOSTA

2.1. Contenuto della proposta

2.1.1. Le modifiche di Manila

Come già indicato sopra, la presente proposta si propone di incorporare nel diritto UE le

modifiche apportate nel 2010 alla convenzione STCW, in particolare al fine di evitare conflitti

tra gli obblighi a livello internazionale e quelli a livello dell'UE degli Stati membri.

Le modifiche del 2010 riguardano sia le "regole" allegate alla convenzione che il più tecnico

"codice", la cui parte "A", come già spiegato, è obbligatoria. Le principali modifiche alla

convenzione, che si riflettono nella presente proposta, sono:

– disposizioni più severe per quanto riguarda formazione e valutazione, il rilascio dei

certificati di competenza, nonché la prevenzione delle frodi;

– norme più aggiornate per quanto riguarda l'idoneità fisica, l'idoneità al servizio

nonché l'abuso di alcol;

– nuovi requisiti concernenti la certificazione relativa a marittimi esperti, ufficiali

elettrotecnici nonché la formazione di sicurezza per tutta la gente di mare;

– requisiti aggiornati per il personale presente a bordo di determinati tipi di navi;

– chiarimento e semplificazione della definizione di "certificato".

Infine, la proposta ha adeguato le disposizioni STCW sulla guardia, allo scopo di allinearle

alle norme UE sull'orario di lavoro della gente di mare.

2.1.2. Proroga da tre a diciotto mesi del termine stabilito dall'articolo 19, paragrafo 3,

della direttiva 2008/106.

La proposta mira inoltre a rendere più realistico l'attuale termine di tre mesi

per il riconoscimento di paesi terzi attualmente previsto all'articolo 19, paragrafo 3, della

direttiva 2008/106. Tale norma riguarda il periodo a disposizione della Commissione per

decidere sul riconoscimento di un paese terzo in seguito alla domanda di uno Stato membro.

Va sottolineato che questo termine deriva dalla precedente procedura per il riconoscimento

dei paesi terzi, introdotta dalla direttiva 2001/25/CE. A norma di tale procedura gli

Stati membri che desiderano riconoscere un paese terzo dovevano trasmettere alla

Commissione la documentazione a sostegno della loro richiesta. Il lavoro a livello UE

avveniva quindi sulla base della documentazione già predisposta e senza alcun

coinvolgimento del paese terzo. La Commissione disponeva di tre mesi per esaminare i

documenti.

L'attuale meccanismo per riconoscere i paesi terzi, introdotto dalla direttiva 2003/103/CE, è

radicalmente diverso e l'esperienza ha rivelato che il termine di tre mesi ereditato dalla

precedente procedura è totalmente irrealistico.

In base al sistema attuale, di fatto, il riconoscimento di un paese terzo avviene dopo

un'ispezione effettuata in loco dall'EMSA, la relazione presentata da quest'ultima, uno

scambio di corrispondenza tra la Commissione e il paese terzo, una valutazione da parte della

Commissione, la procedura dei comitati e infine l'adozione di una decisione.

In questo contesto, anzitutto, le ispezioni del paese terzo devono essere programmate

dall'EMSA, il che significa che l'ispezione non viene eseguita necessariamente subito dopo la

richiesta dello Stato membro.

Inoltre, la valutazione di un paese terzo implica che le autorità di tale paese siano coinvolte

nel dialogo con la Commissione. Ciò richiede tempo, in particolare per permettere

all'amministrazione del paese terzo di correggere eventuali carenze inizialmente individuate.

Tutto questo rende il termine di tre mesi completamente irrealistico. L'esperienza acquisita

con l'attuazione della direttiva 2008/106 insegna che un periodo di tempo ragionevole per

l'espletamento dell'intera procedura è diciotto mesi. L'attuale proposta comprende una

disposizione che modifica la direttiva 2008/106 a questo fine.

2.1.3. Trasmettere alla Commissione le informazioni esistenti sui certificati

Soprattutto durante l'ultimo decennio sono emerse con chiarezza ai decisori politici, sia a

livello europeo che nazionale, le difficoltà di raccogliere dati completi ed accurati sulla gente

di mare. Anche se esiste un certo numero di studi, essi o si basano su ipotesi o non sono

sufficientemente dettagliati a livello dell'UE. Questo punto è stato inoltre evidenziato dalla

Task force sull'occupazione marittima e la competitività3, che ha sottolineato la necessità di

disporre di statistiche accurate. Una fonte potenziale di dati accurati sono i certificati e le

convalide rilasciati dalle amministrazioni nazionali. Attualmente, a norma della convenzione

STCW gli Stati che l'hanno sottoscritta sono tenuti a conservare registri di tutti i certificati e

convalide e delle relative riconvalidi o altre misure che li riguardano

(regola I/2(14)). Analogamente gli Stati membri dell'UE, a norma dell'articolo 11, paragrafo

4, della direttiva 2008/106, hanno l'obbligo di mantenere un registro dei certificati e delle

convalide che sono stati rilasciati. Mentre si tratta di un'importante fonte di dati, i diversi

formati utilizzati da ogni Stato membro, uniti a problemi di tipo statistico (come il potenziale

doppio conteggio di marittimi che hanno ottenuto certificati o convalide da diversi

Stati membri) non permettono un quadro completo. La Commissione pertanto ritiene che la

raccolta delle informazioni già esistenti nei registri nazionali in modo armonizzato e coerente

e pienamente in linea con i requisiti per la tutela delle informazioni personali offrirebbe un

aiuto notevole al fine di raggiungere un quadro statistico corretto sulla professione di

marittimo in Europa.

Andrebbe sottolineato che l'EMSA ha già sviluppato una piattaforma in grado di effettuare la

raccolta e l'analisi di queste informazioni, attraverso il "sistema di informazioni STCW".

Questo sistema è stato presentato agli Stati membri, che hanno manifestato interesse per il

potenziale e l'utilità che esso può offrire. Il sistema è già stato presentato al Garante europeo

per la protezione dei dati che lo ha approvato con lettera all'EMSA del 9 aprile 2008. In tale

occasione il Garante ha chiesto alcuni aggiustamenti che sono stati accolti dall'EMSA.

In conclusione, la presente proposta prevede una nuova norma che impone agli Stati membri

di trasmettere informazioni standardizzate alla Commissione a fini di analisi statistiche.

È intenzione della Commissione utilizzare il "sistema di informazione STCW" dell'EMSA

come piattaforma per raccogliere le informazioni richieste ed effettuare le necessarie analisi

statistiche. Il contenuto di tali informazioni figura in dettaglio in un allegato tecnico alla

presente proposta.

2.1.4. Adeguamento alle nuove regole sulla "comitatologia"

Nell'ambito del sistema istituito dalla direttiva 2008/106 la comitatologia è rilevante sotto

due aspetti.

Il primo riguarda gli adattamenti tecnici, ora limitati ai (recentemente introdotti) requisiti di

informazione (allegato V).

Il secondo riguarda la procedura per il riconoscimento dei paesi terzi. Come ricordato, la

direttiva 2008/106 prevede la procedura dei comitati per il riconoscimento di paesi terzi da

parte della Commissione.

In questo contesto, il trattato di Lisbona ha introdotto significative modifiche al meccanismo

di "comitatologia". Sono state create infatti due categorie di atti non legislativi, vale a dire,

gli "atti delegati" e gli "atti di esecuzione", entrambi pertinenti alla presente proposta.

In effetti, a norma del nuovo trattato, la procedura per l'adattamento tecnico della direttiva è

disciplinata dalle norme sugli "atti delegati", mentre le decisioni sul riconoscimento di paesi

terzi sono disciplinate dagli "atti di esecuzione".

La presente proposta contiene disposizioni a questo effetto.

2.2. Entrata in vigore e misure transitorie

Le modifiche alla convenzione STCW decisa a Manila entreranno in vigore il

1° gennaio 2012 (a norma dell'articolo XII della Convenzione e Appendice 1,

Risoluzione 1(3) dell'Atto finale della conferenza di Manila). Dato che in quel

momento la presente proposta non sarà stata ancora adottata, è stato previsto che la

direttiva proposta entrerà in vigore non appena sarà stata pubblicata nella Gazzetta

ufficiale.

L'accordo di Manila comprende inoltre misure transitorie (contenute nella

regola I/15) dirette a permettere ai candidati che avevano iniziato la loro formazione

prima che le modifiche di Manila entrassero in vigore di completarla con le stesse

regole. Le misure transitorie, analogamente, permettono il rinnovo e la riconvalida di

certificati rilasciati prima dell'entrata in vigore della convenzione modificata il

1° gennaio 2012. Dato che i certificati devono essere riconvalidati o rinnovati al più

tardi dopo cinque anni, e considerando che la durata massima possibile di un corso di

formazione è di cinque anni, la convenzione di Manila prevede che sia i nuovi

certificati che i rinnovi/riconvalidi possono essere completati/realizzati con le

vecchie regole fino al 1° gennaio 2017.

In questo contesto, si propone che la direttiva rispecchi la Convenzione anche per

quanto riguarda le misure transitorie. Le misure transitorie della Convenzione sono

state quindi riprodotte nella proposta.

2.3. Base giuridica

Articolo 100, paragrafo 2, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea.

2.4. Principio di sussidiarietà

Dato che la convenzione STCW è già stata recepita nel diritto dell'UE, è giustificato

anche il recepimento delle modifiche alla Convenzione STCW. Gli Stati membri non

possono attuare la convenzione STCW in modo omogeneo senza le possibilità di

applicazione esistenti a norma del diritto UE. Se le modifiche di Manila non

venissero incorporate nel diritto UE, dal gennaio 2012 (quando le modifiche

entreranno in vigore) gli Stati membri si troverebbero a violare il diritto

internazionale o il diritto dell'UE, conflitto che deve essere evitato.

2.5. Principio di proporzionalità

Se le modifiche di Manila non venissero incorporate nel diritto UE, gli Stati membri

violerebbero il diritto internazionale o il diritto dell'UE, conflitto che deve essere

evitato.

2.6. Scelta dello strumento

Dato che la misura da modificare è una direttiva, quest'ultima appare lo strumento

più appropriato.

3. ESITO DELLA CONSULTAZIONE CON LE PARTI INTERESSATE

Va sottolineato fin dall'inizio che, dato che gli Stati membri sono parti alla convenzione

STCW, avevano la possibilità di esprimere il loro punto di vista nel quadro della revisione

della Convenzione, in particolare alla conferenza di Manila. Effettivamente gli Stati membri

hanno preso parte attiva alla conferenza mentre la Commissione ha organizzato il

coordinamento della posizione dell'UE. Inoltre, nell'ambito della convenzione STCW tutte le

parti possono opporsi a qualsiasi modifica notificando la loro opposizione all'IMO

(articolo XII della Convenzione). Nel caso delle modifiche di Manila, l'opposizione doveva

essere notificata entro il 1° luglio 2011 e nessuno Stato membro lo ha fatto.

Per quanto riguarda la proposta di direttiva, gli esperti degli Stati membri sono

stati consultati sull'esercizio di revisione nel corso di una riunione che si è tenuta a Bruxelles

il 3 dicembre 2010. In tale occasione gli Stati membri hanno espresso all'unanimità il

desiderio che le modifiche di Manila venissero incorporate nel diritto UE, giudicando invece

che non si dovesse procedere ad una revisione della direttiva.

L'occasione per consultare le parti interessate è stata offerta dal lavoro della Task force

sull'occupazione marittima e la competitività, organismo indipendente istituito nel luglio 2010

che ha concluso i propri lavori nel giugno 2011 e ha pubblicato una relazione4 contenente le

raccomandazioni strategiche alla Commissione e alle parti sociali su come promuovere la

professione del marittimo in Europa. La relazione affronta anche la questione della STCW e

preferisce chiaramente l'incorporazione delle norme internazionali nel diritto UE5.

 

Proposta di

DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

recante modifica della direttiva 2008/106/CE del Parlamento europeo e del Consiglio,

concernente i requisiti minimi di formazione per la gente di mare

(Testo rilevante ai fini del SEE)

IL PARLAMENTO EUROPEO E IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea, in particolare l'articolo 100,

paragrafo 2,

vista la proposta della Commissione europea,

previa trasmissione del progetto di atto legislativo ai parlamenti nazionali,

visto il parere del Comitato economico e sociale europeo1,

visto il parere del Comitato delle regioni2,

deliberando secondo la procedura legislativa ordinaria,

considerando quanto segue:

(1) Le norme sulla formazione e la certificazione della gente di mare sono state decise a

livello internazionale attraverso la Convenzione internazionale sulle norme relative

alla formazione della gente di mare, al rilascio dei brevetti ed alla guardia

("la convenzione STCW"), adottata nel 1978 dalla conferenza dell'Organizzazione

marittima internazionale (IMO), entrata in vigore nel 1984 e modificata in misura

rilevante nel 1995.

(2) La Convenzione STCW è stata integrata nel diritto dell'Unione per la prima volta con

la direttiva 94/58/CE del Consiglio, del 22 novembre 1994, concernente i requisiti

minimi di formazione per la gente di mare3; successivamente le norme UE sulla

formazione e la certificazione della gente di mare sono state adattate alle successive

modifiche apportate alla Convenzione, mentre è stato istituito un meccanismo UE

comune per il riconoscimento dei sistemi di formazione e certificazione della gente di

mare nei paesi terzi; più tardi, le norme dell'Unione in materia, attraverso una

rifusione, sono divenute la direttiva 2008/106/CE del Parlamento europeo e del

Consiglio del 19 novembre 20084.

(3) Nel 2010 si è tenuta a Manila una conferenza tra gli Stati parti della convenzione

STCW che ha apportato varie modifiche alla Convenzione, vale a dire per quanto

riguarda la prevenzione delle frodi sui certificati, nel settore degli standard medici, in

materia di formazione sulla sicurezza e in relazione alla formazione nelle questioni

tecnologiche. Le modifiche di Manila hanno inoltre introdotto alcuni requisiti per i

marittimi esperti e stabilito nuovi profili professionali, come ufficiali elettrotecnici.

(4) Tutti gli Stati membri sono parti della Convenzione e nessuno di essi ha mosso

obiezioni contro le modifiche di Manila con la procedura prevista a questo riguardo.

Gli Stati membri devono quindi allineare le proprie norme nazionali alle modifiche di

Manila. È necessario evitare conflitti tra gli impegni a livello internazionale degli

Stati membri e i loro impegni nell'ambito dell'UE. Inoltre, dato il carattere mondiale

della navigazione marittima, le norme dell'Unione in materia di formazione e

certificazione, dovrebbero essere allineate alle norme internazionali. È necessario

quindi modificare di conseguenza diverse disposizioni della direttiva 2008/106/CE per

accogliere le modifiche di Manila.

(5) Alla conferenza di Manila gli Stati che ne erano parti hanno inteso, tra l'altro, fissare

dei limiti oggettivi alle deroghe alle ore di riposo minimo previsto per il personale di

guardia e i marittimi che svolgono compiti connessi alla sicurezza e alla prevenzione

dell'inquinamento. Anche queste nuove norme devono essere incorporate nel diritto

dell'UE. Esse devono però conformarsi alle disposizioni sulle ore di riposo applicabili

alla gente di mare a norma delle direttive 1999/63/CE del 21 giugno 19995 e

2009/13/CE del 16 febbraio 20096 del Consiglio. Inoltre, è necessario porre dei limiti

alla facoltà di autorizzare delle deroghe per quanto riguarda la durata massima, la

frequenza e la portata. È necessario introdurre nella direttiva delle disposizioni a

questo riguardo.

(6) La direttiva 2008/106/CE contiene inoltre un meccanismo per il riconoscimento dei

sistemi di formazione e certificazione della gente di mare dei paesi terzi.

Il riconoscimento avviene con decisione della Commissione in seguito a una

procedura nella quale la Commissione è assistita dalla Agenzia europea per la

sicurezza marittima (l'Agenzia) istituita dal regolamento (CE) n. 1406/20027 e dal

comitato per la sicurezza marittima e la prevenzione dell'inquinamento provocato dalle

navi (COSS), istituito dal regolamento (CE) n. 2099/20028; l'esperienza acquisita

nell'applicazione delle disposizioni della direttiva 2008/106/CE sul riconoscimento dei

paesi terzi a fini di STCW suggerisce di introdurre una modifica nella relativa

procedura, in particolare per quanto riguarda il termine trimestrale entro il quale

decidere sul riconoscimento, attualmente previsto dall'articolo 19, paragrafo 3, della

suddetta direttiva. Dato che il riconoscimento comporta lo svolgimento di

un'ispezione, che deve essere pianificata ed eseguita, da parte dell'Agenzia, e, nella

maggior parte dei casi, importanti correzioni da apportare ai requisiti STCW da parte

del paese terzo in questione, l'intera procedura non può essere espletata nell'arco di tre

mesi; in base all'esperienza, un periodo di tempo più realistico a questo riguardo

sembra essere diciotto mesi. È necessario quindi modificare di conseguenza il suddetto

termine, pur mantenendo la possibilità per lo Stato membro richiedente di riconoscere

in via temporanea il paese terzo per mantenere la flessibilità.

(7) Le statistiche disponibili sulla gente di mare in Europa sono incomplete e spesso

imprecise, il che rende ancora più difficile prendere decisioni in questo delicato

settore. Poter disporre di dati dettagliati sulla certificazione della gente di mare pur

non risolvendo interamente il problema contribuirebbe ad una maggiore chiarezza.

Attualmente, a norma della convenzione STCW, gli Stati che ne sono parti sono tenuti

a conservare registri di tutti i certificati e convalide e delle relative riconvalidi o altre

misure che li riguardano (norma I/2(14)). Gli Stati membri, a norma dell'articolo 11,

paragrafo 4, della direttiva 2008/106, hanno l'obbligo di conservare un registro dei

certificati e delle convalide che sono stati rilasciati. Per poter disporre di un quadro il

più completo possibile della situazione dell'occupazione in questo settore in Europa, si

dovrebbe chiedere agli Stati membri di trasmettere alla Commissione una scelta delle

informazioni già contenute nei loro registri dei certificati della gente di mare.

Tali informazioni dovrebbero essere utilizzate per fini statistici e in conformità alle

norme dell'Unione sulla protezione dei dati. È necessario quindi introdurre una norma

a questo fine nella direttiva 2008/106/CE.

(8) Al fine di raccogliere dati sulla professione della gente di mare che siano coerenti con

l'evoluzione di quest'ultima e della tecnologia, il potere di adottare atti a norma

dell'articolo 290 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea dovrebbe essere

delegato alla Commissione per quanto riguarda gli adattamenti dell'allegato V della

direttiva 2008/106/CE. Tali atti delegati dovrebbero riguardare, in particolare, il

contenuto delle informazioni sulle convalide, sui certificati di competenza o di

idoneità e sul numero e i dettagli dei marittimi i cui certificati sono rilasciati o

convalidati, tenendo conto delle salvaguardie sulla protezione dei dati indicate nel

summenzionato allegato. Inoltre, la Commissione dovrebbe poter adottare atti delegati

al fine di stabilire misure per la raccolta, la conservazione e l'analisi di questo tipo di

informazioni statistiche da parte degli Stati membri al fine di rispondere alle nuove

necessità statistiche sulla gente di mare e poter raccogliere informazioni aggiornate e

coerenti con la realtà. È particolarmente importante che la Commissione svolga

consultazioni adeguate durante i lavori preparatori, anche a livello di esperti.

La Commissione, in sede di preparazione e redazione di atti delegati, deve garantire la

contemporanea, tempestiva e appropriata trasmissione dei pertinenti documenti al

Parlamento europeo e al Consiglio.

(9) Al fine di garantire condizioni uniformi nell'attuazione della direttiva 2008/106/CE

sono state conferite alla Commissione competenze di esecuzione nel settore della

formazione e dell'abilitazione della gente di mare. È necessario che tali competenze

siano esercitate in conformità al regolamento (UE) n. 182/2011 del Parlamento

europeo e del Consiglio, del 16 febbraio 2011, che stabilisce le regole e i principi

generali relativi alle modalità di controllo da parte degli Stati membri dell'esercizio

delle competenze di esecuzione attribuite alla Commissione9.

(10) La procedura di esame dovrebbe essere utilizzata per le decisioni di esecuzione sul

riconoscimento e la revoca del riconoscimento dei sistemi STCW di paesi terzi.

(11) Le modifiche alla convenzione entrano in vigore il 1° gennaio 2012, mentre

nell'accordo di Manila sono state previste misure transitorie fino al 1° gennaio 2017

per permettere una transizione senza difficoltà alle nuove norme. È necessario che la

presente direttiva preveda lo stesso quadro temporale e le stesse misure transitorie.

(12) È opportuno pertanto modificare di conseguenza la direttiva 2008/106/CE,

HANNO ADOTTATO LA PRESENTE DIRETTIVA:

Articolo 1

La direttiva 2008/106/CE è modificata come segue:

1) l'articolo 1 è così modificato:

a) il punto 18 è sostituito dal seguente:

"18) «norme radio», le norme radio rivedute, adottate dalla Conferenza mondiale

delle radiocomunicazioni per il servizio marittimo mobile, di volta in volta vigenti;".

b) Il punto 24 è sostituito dal seguente:

"24) «codice STCW», il codice di formazione della gente di mare, del rilascio dei

brevetti e della guardia, adottato dalla conferenza delle parti della convenzione

STCW con la risoluzione 2 del 2010, di volta in volta vigente;".

c) Il punto 27 è soppresso.

d) Sono aggiunti i punti seguenti:

"32. "radio operatore GMDSS", persona qualificata in conformità alle disposizioni di

cui al capitolo IV dell'allegato I;";

"33. "Codice ISPS", il Codice internazionale per la sicurezza degli

impianti portuali e delle navi (International Ship and Port Facility Security) adottato

il 12 dicembre 2002, dalla risoluzione n. 2 della Conferenza degli Stati contraenti alla

Convenzione internazionale per la salvaguardia della vita umana in mare (SOLAS),

del 1974, di volta in volta vigente;";

"34. "Ufficiale di sicurezza della nave", la persona a bordo della nave, che risponde

al Comandante ed è designata dalla società come responsabile della sicurezza della

nave, e in particolare dell'attuazione e del rispetto del piano di sicurezza della nave, e

come collegamento con l'agente di sicurezza della società e con l'agente di sicurezza

dell'impianto portuale;";

"35. "compiti di sicurezza", tutti i compiti e le mansioni di sicurezza a bordo delle

navi definiti dal capo XI/2 della Convenzione internazionale per la salvaguardia della

vita umana in mare (SOLAS 1974, modificata) e dal Codice internazionale per la

sicurezza degli impianti portuali e delle navi (ISPS);";

"36. "certificato di competenza", certificato rilasciato e approvato relativo a

comandanti, ufficiali e radio operatori GMDSS, a norma delle disposizioni dei Capi

II, III, IV o VII dell'allegato I, che abilita il legittimo titolare a servire nella capacità

in questione e a svolgere le funzioni previste al livello di responsabilità in esso

specificato;";

"37. "certificato di idoneità", certificato diverso da un certificato di competenza,

rilasciato ad un marittimo, che attesta che i rispettivi requisiti in materia di

formazione, competenza o servizio in navigazione previsti dalla direttiva sono

soddisfatti;";

"38. "prova documentale", documentazione, diversa dal certificato di competenza o

dal certificato di idoneità, utilizzata per stabilire che i rispettivi requisiti previsti dalla

presente direttiva sono soddisfatti;";

"39. "ufficiale elettrotecnico", ufficiale qualificato in conformità alle disposizioni di

cui al capo III dell'allegato I;";

"40. "marittimo esperto di coperta", marinaio qualificato in conformità alle

disposizioni di cui al capo II dell'allegato I;";

"41. "marittimo esperto di macchina", marinaio qualificato in conformità alle

disposizioni di cui al capo III dell'allegato I;".

2) All'articolo 3, il paragrafo 1 è sostituito dal seguente:

"1. Gli Stati membri adottano le misure necessarie affinché la gente di mare in

servizio a bordo di una nave di cui all'articolo 2 riceva una formazione che sia

almeno conforme ai requisiti della convenzione STCW, riportati nell'allegato I

della presente direttiva, e sia titolare di certificati di cui all'articolo 1, punto 36 e

punto 37.".

3) L'articolo 4 è soppresso.

4) L'articolo 5 è così modificato:

a) Il paragrafo 1 è sostituito dal seguente:

"1. Gli Stati membri garantiscono che i certificati siano rilasciati solo ai candidati che

possiedono i requisiti di cui al presente articolo.".

b) Il paragrafo 3 è sostituito dal seguente:

"3. I certificati sono rilasciati in conformità alla regola I/2, paragrafo 3, della

Convenzione STCW.".

c) È inserito il seguente paragrafo 3 bis:

"3 bis. I certificati sono rilasciati esclusivamente dagli Stati membri, previa verifica

dell'autenticità e validità di qualsiasi prova documentale necessaria e in conformità

alle disposizioni stabilite nel presente articolo.".

d) Alla fine del paragrafo 5 è aggiunta la seguente frase:

"Le convalide sono rilasciate solo se sono soddisfatti tutti i requisiti della

convenzione STCW e della presente direttiva.".

e) I paragrafi 6 e 7 sono sostituiti dai seguenti:

"6. A Lo Stato membro che riconosce un certificato di competenza o un

certificato di idoneità rilasciato a comandanti e ufficiali in

conformità alle disposizioni delle regole V/1-1 e V/1-2 dell'allegato

I a norma della procedura di cui all'articolo 19, paragrafo 2,

convalida tale certificato per attestare il proprio riconoscimento

solo dopo aver verificato l'autenticità e la validità dello stesso. La

convalida deve avere la forma indicata alla sezione A-I/2, paragrafo

3 del codice STCW.

7. Le convalide di cui ai paragrafi 5 e 6:

(a) possono essere emesse in quanto documento separato;

(b) sono rilasciate esclusivamente dagli Stati membri;

(c) a ciascuna deve essere assegnato un numero unico, ad eccezione

delle convalide attestanti il rilascio di un certificato alle quali può

essere assegnato lo stesso numero del certificato oggetto

dell'attestazione, purché si tratti di un numero unico; nonché,

(d) decadono quando cessa la validità del certificato sul quale sono

apposte o quando lo stesso è revocato, sospeso o annullato dallo

Stato membro o dal paese terzo che l'ha rilasciato e, comunque,

dopo cinque anni dal loro rilascio.".

f) Sono aggiunti i paragrafi seguenti:

"11. Per il rilascio dei certificati i candidati devono dimostrare:

(a) la loro identità;

(b) di avere un'età non inferiore a quella prevista per il certificato richiesto

dalle regole di cui all'allegato I;

(c) di soddisfare gli standard di idoneità medica, di cui alla sezione A-I/9 del

codice STCW;

 (d) di aver effettuato il servizio di navigazione e tutte le relative attività di

formazione obbligatorie prescritti dalle regole di cui all'allegato I per il

rilascio del certificato richiesto; nonché,

(e) di possedere gli standard di competenza prescritti dalle regole

dell'allegato I per le qualifiche, le funzioni e i livelli che devono essere

indicati nella convalida del certificato.

12. Gli Stati membri si impegnano a:

(a) mantenere un registro o registri di tutti i certificati e le convalide per

comandanti, ufficiali e, ove previsto, marinai, che sono stati rilasciati,

sono scaduti o sono stati rinnovati, sospesi o annullati o dei quali è stato

denunciato lo smarrimento o la distruzione, e delle dispense concesse;

(b) comunicare le informazioni relative a tali certificati, convalide e dispense

agli altri Stati membri o ad altre parti della convenzione STCW e alle

compagnie che intendano verificare l'autenticità e la validità dei

certificati esibiti dai marittimi che chiedono il riconoscimento dei loro

certificati o il reclutamento a bordo di una nave;

(c) mettere a disposizione della Commissione, una volta all'anno, le

informazioni di cui all'allegato V della presente direttiva, a fini di analisi

statistica.

13. Dal 1° gennaio 2017, le informazioni richieste a norma del paragrafo 12 sono

trasmesse attraverso mezzi elettronici.".

5) L'articolo 7 è così modificato:

a) è inserito il seguente paragrafo 1 bis:

"Articolo 1 bis. Lo Stato membro, per quanto riguarda le navi che hanno ottenuto i

benefici previsti dalle norme sui viaggi costieri della convenzione STCW, che

comprende i viaggi al largo delle coste di altri Stati membri o parti alla convenzione

STCW nei limiti della definizione di viaggio costiero, stipula un accordo con gli Stati

Membri o le Parti in questione, nel quale vengono precisati i dettagli di entrambe le

aree commerciali interessate e altre disposizioni pertinenti.".

b) Sono inseriti i seguenti paragrafi 3 bis e 3 ter:

"3 bis. I certificati della gente di mare rilasciati da uno Stato membro o da uno Stato

parte alla convenzione STCW nei limiti definiti per i viaggi costieri possono essere

riconosciuti da altri Stati membri per il servizio entro i limiti da essi definiti per i

viaggi costieri, a condizione che gli Stati membri o le parti in questione stipulino un

accordo che precisi i dettagli di entrambe le aree commerciali interessate e altre

condizioni pertinenti.

3 ter. Gli Stati membri che definiscono i viaggi costieri, in conformità ai requisiti del

presente articolo:

 (a) soddisfano i principi che disciplinano i viaggi costieri specificati alla

sezione A-I/3 del codice STCW;

(b) incorporano i limiti sui viaggi costieri nelle convalide rilasciate ai sensi

dell'articolo 5.".

6) All'articolo 9, i paragrafi 1 e 2 sono sostituiti dai seguenti:

"1. Gli Stati membri adottano le procedure idonee allo svolgimento di un'indagine

imparziale su eventuali casi di incompetenza, comportamenti, omissioni o

compromessi nei confronti della sicurezza, che possano arrecare una diretta minaccia

alla sicurezza della vita o delle cose in mare o all'ambiente marino, posti in essere dai

possessori di certificato o convalida rilasciati da uno Stato membro in relazione

all'adempimento delle funzioni di cui al certificato, nonché per quanto riguarda la

revoca, la sospensione e l'annullamento dei certificati per tali motivi e per la

prevenzione delle frodi.

2. Gli Stati membri adottano e applicano le opportune misure per prevenire le frodi e

altre pratiche illecite concernenti certificati e convalide rilasciati.".

7) L'articolo 10 è così modificato:

a) il paragrafo 1 è così modificato:

i) la lettera a) è sostituita dalla seguente:

"a) che tutte le attività di formazione, di valutazione delle competenze, di

abilitazione, incluse quelle mediche, di convalida e di rinnovo condotte

da enti o agenzie non appartenenti alla pubblica amministrazione o sotto

la loro autorità, siano costantemente controllate attraverso un sistema di

norme di qualità che assicuri il conseguimento di obiettivi definiti, inclusi

quelli riguardanti le qualifiche e l'esperienza di istruttori ed esaminatori;

ii) la lettera c) è sostituita dalla seguente:

"c) che gli obiettivi di istruzione e formazione e i relativi livelli qualitativi di

competenza da conseguire siano chiaramente definiti e siano identificati i

livelli di cognizioni, di capacità di apprendimento e di capacità

professionali adeguati agli esami e alle valutazioni previsti dalla

convenzione STCW. Gli obiettivi e le relative norme di qualità possono

essere specificati distintamente per ogni corso e programma di

formazione e devono includere la gestione del sistema di abilitazione;".

b) Al paragrafo 2 è aggiunta la lettera d) seguente:

"d) tutte le disposizioni applicabili della presente direttiva e della

convenzione e del codice STCW, incluse le modifiche sono disciplinate

dal sistema di norme di qualità.".

c) Il paragrafo 3 è sostituito dal seguente:

"3. Gli Stati membri inviano alla Commissione una relazione concernente ogni

valutazione svolta ai sensi del paragrafo 2, utilizzando il formato specificato alla

sezione A-I/7 del codice STCW, entro sei mesi dalla data in cui è stata effettuata la

valutazione.".

8) L'articolo 11 è sostituito dal seguente:

"Articolo 11

Norme mediche

1. Ogni Stato membro adotta norme riguardanti l'idoneità fisica della gente di mare e

procedure per il rilascio di un certificato medico in conformità alle disposizioni del

presente articolo e della sezione A-I/9 del codice STCW.

2. Ogni Stato membro garantisce che i responsabili della valutazione dell'idoneità fisica

della gente di mare siano medici in attività, riconosciuti da tale Stato ai fini degli

esami medici della gente di mare, a norma delle disposizioni della sezione A-I/9 del

codice STWC.

3. Ogni marittimo, titolare di un certificato rilasciato a norma delle disposizioni della

convenzione, che serve in mare, deve possedere anche un certificato medico valido

rilasciato in conformità alle disposizioni del presente articolo e della sezione A-I/9

del codice STCW.

4. Ogni candidato all'abilitazione deve:

(a) avere almeno 16 anni;

(b) fornire una prova soddisfacente della propria identità; nonché,

(c) possedere i requisiti applicabili di idoneità medica stabiliti dallo Stato membro

in questione.

5. I certificati medici sono validi per un periodo massimo di due anni, fatta eccezione

per i marittimi minori di diciotto anni, nel qual caso il periodo massimo di validità è

di un anno.

6. Se il periodo di validità di un certificato medico scade durante un viaggio, il

certificato medico rimane in vigore fino all'arrivo nel successivo porto di scalo dove

sia disponibile un medico in attività riconosciuto dallo Stato membro, a condizione

che il periodo in questione non superi i tre mesi.

7. In casi urgenti uno Stato membro può permettere ad un marittimo di lavorare senza

un certificato medico valido fino all'arrivo nel successivo porto di scalo dove sia

disponibile un medico riconosciuto da tale Stato membro, a condizione che:

(a) il periodo in questione non sia superiore a tre mesi; nonché,

(b) il marittimo in questione sia in possesso di un certificato medico scaduto di

data recente.".

9) L'articolo 12 è così modificato:

a) è inserito il seguente paragrafo 2 bis:

"2 bis. I comandanti e gli ufficiali, per poter proseguire il servizio di navigazione a

bordo di navi cisterna, soddisfano i requisiti del paragrafo 1 del presente articolo e,

ad intervalli non superiori a cinque anni, devono dimostrare di continuare a

possedere la competenza professionale in materia di navi cisterna in conformità alla

sezione A-I/11, paragrafo 3 del codice STCW.".

b) Al paragrafo 3 il riferimento a "1° febbraio 2002" è sostituito dal riferimento a

"1° gennaio 2017".

c) Il paragrafo 5 è sostituito dal seguente:

"5. Al fine di aggiornare le cognizioni di comandanti, ufficiali e radio operatori, gli

Stati membri assicurano che i testi delle recenti modifiche delle legislazioni nazionali

e internazionali in materia di sicurezza della vita in mare, sicurezza delle persone e di

tutela dell'ambiente marino siano messi a disposizione delle navi battenti la loro

bandiera.".

10) L'articolo 13, paragrafo 2, è soppresso.

11) L'articolo 14 è così modificato:

a) Al paragrafo 1 sono aggiunte le seguenti lettere f) e g):

"f) che la gente di mare in servizio sulle sue navi abbia ricevuto corsi e

formazione di aggiornamento come prevede la convenzione STCW;

g) che a bordo delle sue navi si svolga sempre un'efficace comunicazione

orale in conformità al capo V, regola 14, paragrafi 3 e 4 della

convenzione SOLAS.".

b) È aggiunto il seguente paragrafo 4:

"4. Le compagnie garantiscono che i comandanti, gli ufficiali e il personale in

servizio con funzioni e responsabilità specifiche a bordo delle loro navi ro-ro

passeggeri abbiano completato la formazione necessaria per acquisire le capacità

adeguate al compito da svolgere e alle funzioni e responsabilità da assumere, tenendo

conto degli orientamenti forniti alla sezione B-I/14 del codice STCW.".

12) L'articolo 15 è sostituito dal seguente:

"Idoneità al servizio

1. Al fine di prevenire l'affaticamento, gli Stati membri

(a) stabiliscono periodi di riposo obbligatorio per il personale di guardia e per

quanti svolgono compiti attinenti alla sicurezza e alla prevenzione

dell'inquinamento in conformità ai paragrafi da 3 a 15;

 (b) prescrivono che i turni di guardia siano organizzati in modo tale da non

compromettere a causa della fatica l'efficienza del personale e che il servizio

sia organizzato in modo tale che il personale addetto alla prima guardia

all'inizio del viaggio e quello addetto alle guardie successive sia

sufficientemente riposato e comunque idoneo al servizio.

2. Gli Stati membri, al fine di prevenire il consumo di droga e alcole, provvedono

affinché siano adottate misure adeguate in conformità alle disposizioni stabilite nel

presente articolo.

3. Gli Stati membri tengono conto del pericolo costituito dalla fatica dei marittimi, in

particolare di quelli che svolgono mansioni attinenti alla sicurezza delle operazioni

della nave.

4. A tutto il personale avente compiti di ufficiale responsabile della guardia o di

marinaio facente parte di una guardia e a coloro che svolgono compiti attinenti alla

sicurezza e alla prevenzione dell'inquinamento deve essere concesso un periodo di

riposo:

(a) della durata minima di dieci ore ogni ventiquattro ore; nonché,

(b) di 77 ore ogni 7 giorni.

5. Le ore di riposo possono essere suddivise in non più di due periodi, uno dei quali

della durata di almeno sei ore e gli intervalli tra periodi di riposo consecutivi non

devono superare 14 ore.

6. Le prescrizioni sui periodi di riposo di cui ai paragrafi 4 e 5 possono essere derogate

in caso di emergenza o di esercitazioni pratiche o in altre situazioni operative

eccezionali. Gli appelli, le esercitazioni antincendio e con le scialuppe di salvataggio,

e le esercitazioni prescritte dalle normative nazionali e dagli strumenti internazionali,

devono essere condotti in modo da ridurre al minimo il disturbo per i turni di riposo e

non indurre fatica.

7. Gli Stati membri dispongono che gli orari di guardia siano affissi in luoghi ove siano

facilmente accessibili. Gli orari vengono stabiliti in un formato standard nella lingua

o nelle lingue di lavoro della nave e in inglese.

8. Quando un marittimo è reperibile, come quando un posto in sala macchine resta

sguarnito, ha diritto ad un adeguato periodo di riposo di compensazione se il normale

periodo di riposo è interrotto da chiamate al lavoro.

9. Gli Stati membri provvedono affinché le registrazioni delle ore di riposo giornaliere

dei marittimi siano tenute in un formato standardizzato, nella lingua o nelle lingue di

lavoro della nave e in inglese, per consentire il monitoraggio e la verifica della

conformità a quanto dispone il presente articolo. I marittimi ricevono una copia delle

registrazioni che li riguardano, che deve essere convalidata dal comandante, o da una

persona autorizzata dal comandante, e dal marittimo in questione.

10. Nonostante quanto stabilito ai paragrafi da 3 a 9, il comandante di una nave ha diritto

di esigere da un marittimo lo svolgimento delle ore di lavoro necessarie per

l'immediata sicurezza della nave, delle persone a bordo o del carico, o per fornire

assistenza ad altre navi o persone che si trovano in difficoltà in mare.

Di conseguenza, il comandante può sospendere il programma delle ore di riposo ed

esigere da un marittimo che effettui tutte le ore di lavoro necessarie fino a quando

non sia stata ripristinata una situazione di normalità. Non appena possibile dopo il

ripristino di condizioni di normalità, il comandante provvede affinché tutti i

marittimi che hanno prestato la loro opera durante il periodo di riposo ottengano un

periodo di riposo adeguato.

11. Nel rispetto dei principi generali della protezione della salute e della sicurezza dei

lavoratori, gli Stati membri possono autorizzare o registrare contratti collettivi

che consentono deroghe alle ore di riposo previste al paragrafo 4, lettera b) e

al paragrafo 5, a condizione che il periodo di riposo in questione non sia inferiore a

70 ore per ogni periodo di 7 giorni. Tali deroghe, a norma della direttiva 1999/63/CE,

nella misura del possibile si conformano alle norme stabilite ma possono tener conto

di periodi di ferie più frequenti o più lunghi o della concessione di ferie

compensative e, nella misura possibile, devono tener conto anche degli orientamenti

relativi alla prevenzione della fatica di cui alla sezione B-VIII/1 del codice STCW.

12. Le deroghe previste al paragrafo 11 in relazione al periodo di riposo settimanale di

cui al paragrafo 4, lettera b), non possono superare due settimane consecutive.

Gli intervalli tra due periodi di deroghe a bordo non possono essere inferiori al

doppio della durata della deroga.

13. Nell'ambito delle eventuali deroghe al paragrafo 5 di cui al paragrafo 11, le ore di

riposo previste al paragrafo 4, lettera a), possono essere suddivise in non più di

tre periodi, uno dei quali deve durare almeno 6 ore e nessuno degli altri due periodi

deve durare meno di un'ora. Gli intervalli tra periodi consecutivi di riposo non

devono superare 14 ore. Le deroghe non potranno andare oltre due periodi di 24 ore

per ogni periodo di 7 giorni.

14. Gli Stati membri stabiliscono, al fine di prevenire l'abuso di alcole, un limite di tasso

alcolemico non superiore allo 0,05% o a 0,25 mg/l di alcole nell'alito o un

quantitativo di alcole che conduca alla stessa concentrazione alcolica per

comandanti, ufficiali e altri marittimi, mentre svolgono i rispettivi compiti in materia

di sicurezza e protezione dell'ambiente marino.".

13) All'articolo 19, il paragrafo 3 è sostituito dal seguente:

"3. La Commissione decide in merito al riconoscimento di un paese terzo secondo la

procedura di esame di cui all'articolo 28, paragrafo 2, entro diciotto mesi dalla data di

presentazione della domanda di riconoscimento. Lo Stato membro che presenta la

richiesta può decidere di riconoscere unilateralmente il paese terzo fino a quando non

sia stata presa una decisione a norma del presente paragrafo.".

14) All'articolo 20, il paragrafo 6 è sostituito dal seguente:

"6. La decisione sulla revoca del riconoscimento è adottata secondo la procedura di

esame di cui all'articolo 28, paragrafo 2. Gli Stati membri interessati prendono le

misure adeguate ai fini dell'attuazione della decisione.".

15) All'articolo 23, il paragrafo 2 è così modificato:

a) la frase introduttiva è sostituita dalla seguente:

"2. Si procede ad una valutazione, in conformità alla parte A del codice STCW,

dell'idoneità della gente di mare in servizio sulla nave a mantenere nel modo

appropriato le norme tecniche di guardia e di sicurezza, stabilite dalla convenzione

STCW, qualora vi siano fondati motivi per ritenere che tali norme non siano

mantenute per uno dei seguenti motivi:

b) la lettera d) è sostituita dalla seguente:

"d) le condizioni di esercizio della nave sono tali da costituire un pericolo per le

persone, le cose o l'ambiente, o da compromettere la sicurezza;".

16) È inserito il seguente articolo 25 bis:

"Articolo 25 bis

Informazioni a fini statistici

1. Gli Stati membri trasmettono alla Commissione le informazioni di cui all'allegato V

a fini statistici.

2. Tali informazioni vengono trasmesse annualmente dagli Stati membri alla

Commissione ed in formato elettronico e comprendono le informazioni registrate al

31 dicembre dell'anno precedente.

3. La Commissione riceve il mandato di adottare atti delegati a norma

dell'articolo 27 bis al fine di stabilire misure appropriate per la raccolta, la

conservazione e l'analisi delle informazioni in questione.".

17) L'articolo 27 è sostituito dal seguente:

"La Commissione riceve il mandato di adottare atti delegati che modificano

l'allegato V della presente direttiva per quanto riguarda contenuto e dettagli

specifici e rilevanti delle informazioni che devono essere comunicate dagli Stati

membri, tenendo conto delle salvaguardie sulla protezione dei dati, a norma

dell'articolo 27 bis.".

18) È inserito il seguente articolo 27 bis:

"Articolo 27 bis

Esercizio della delega

1. Il potere conferito alla Commissione di adottare atti delegati è soggetto alle

condizioni stabilite dal presente articolo.

2. La delega di poteri di cui all'articolo 25 bis e all'articolo 27 è conferita alla

Commissione per una durata indeterminata a decorrere dalla data di entrata in vigore

della presente direttiva.

3. La delega di poteri di cui all'articolo 25 bis e all'articolo 27 può essere revocata in

qualunque momento dal Parlamento europeo o dal Consiglio. La decisione di revoca

pone fine alla delega dei poteri indicati in tale decisione. Gli effetti della decisione

decorrono dal giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta

ufficiale dell'Unione europea o da una data successiva ivi precisata. La decisione di

revoca lascia impregiudicata la validità degli atti delegati già in vigore.

4. Non appena adottato un atto delegato, la Commissione lo notifica simultaneamente al

Parlamento europeo e al Consiglio.

5. Un atto delegato adottato ai sensi dell'articolo 25 bis e dell'articolo 27 entra in vigore

solo se il Parlamento europeo o il Consiglio non hanno sollevato obiezioni entro

due mesi dalla sua notifica alle due istituzioni, oppure se, prima della scadenza di

tale termine, il Parlamento europeo e il Consiglio hanno entrambi comunicato alla

Commissione che non formuleranno obiezioni. Tale periodo può essere prorogato di

due mesi su iniziativa del Parlamento europeo o del Consiglio.".

19) L'articolo 28 è sostituito dal seguente:

"Articolo 28

Comitato

'1. La Commissione è assistita dal comitato per la sicurezza marittima e la

prevenzione dell'inquinamento provocato dalle navi (COSS) istituito dal

regolamento (CE) n. 2099/2002. Si tratta di un comitato ai sensi del regolamento

(UE) n. 182/2011.

2. Nei casi in cui è fatto riferimento al presente paragrafo, si applica l'articolo 5 del

regolamento (UE) n. 182/2011.'.".

20) Gli articoli 29 e 30 sono sostituiti dai seguenti:

"Articolo 29

Sanzioni

Gli Stati membri istituiscono un sistema di sanzioni per i casi di inosservanza delle norme

nazionali adottate in attuazione degli articoli 3, 5, 7, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 17, 18, 19, 22,

23, 24 e dell'allegato I, e adottano tutti i provvedimenti necessari per assicurarne la concreta

applicazione. Le sanzioni previste devono essere efficaci, proporzionate e dissuasive.

Articolo 30

Disposizioni transitorie

1. Nei confronti della gente di mare che ha iniziato un servizio di navigazione

riconosciuto, un programma di istruzione e formazione riconosciuto o un corso di

formazione riconosciuto prima del 1° luglio 2013, uno Stato membro può continuare

a rilasciare, riconoscere e convalidare, fino al 1° gennaio 2017, certificati in

conformità ai requisiti della presente direttiva come prima della sua entrata in vigore.

Fino al 1° gennaio 2017, uno Stato membro può continuare a rinnovare e prorogare

certificati e convalide in conformità ai requisiti della presente direttiva come prima

della sua entrata in vigore.".

21) L'articolo 33 è soppresso.

22) Gli allegati sono modificati come segue:

a) L'allegato I della direttiva 2008/106/CE è sostituito dall'allegato I della presente

direttiva.

b) L'allegato II della direttiva 2008/106/CE è modificato conformemente all'allegato II

della presente direttiva.

c) Il testo che figura nell'allegato III della presente direttiva è aggiunto come allegato V

alla direttiva 2008/106/CE.

Articolo 2

Entrata in vigore

La presente direttiva entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Essa si applica a decorrere dal 1° gennaio 2012.

Articolo 3

Recepimento

1. Gli Stati membri adottano le disposizioni legislative, regolamentari e

amministrative necessarie per conformarsi alla presente direttiva entro e non oltre il

31 dicembre 2012. Essi comunicano immediatamente alla Commissione il testo di

tali disposizioni nonché una tavola di concordanza tra queste ultime e la presente

direttiva.

Quando gli Stati membri adottano tali disposizioni, queste contengono un riferimento

alla presente direttiva o sono corredate da un siffatto riferimento all'atto della

pubblicazione ufficiale. Le modalità del riferimento sono decise dagli Stati membri.

2. Gli Stati membri comunicano alla Commissione il testo delle disposizioni essenziali

di diritto interno adottate nella materia disciplinata dalla presente direttiva.

Articolo 4

Destinatari

Gli Stati membri sono destinatari della presente direttiva.

Fatto a Bruxelles,

Per il Parlamento europeo Per il Consiglio

Il presidente Il presidente

"ALLEGATO I

REQUISITI PER LA FORMAZIONE DI CUI ALL'ARTICOLO 3 FISSATI DALLA

CONVENZIONE STCW

CAPO I

DISPOSIZIONI GENERALI

1. Le regole di cui al presente allegato sono integrate dalle disposizioni vincolanti

contenute nella parte A del codice STCW, ad eccezione del capitolo VIII,

regola VIII/2.

Qualsiasi riferimento a un requisito previsto da una regola va inteso come

riferimento anche alla sezione corrispondente della parte A del codice STCW.

Gli Stati membri assicurano che i marittimi siano in possesso delle adeguate

competenze linguistiche, come indicato nelle sezioni A-II/1, A-III/1, A-IV/2 e A-II/4

del codice STCW, necessarie allo svolgimento delle loro specifiche mansioni sulle

navi battenti bandiera di uno Stato membro ospitante.

La parte A del codice STCW indica i livelli di competenza che devono essere

dimostrati dai candidati al rilascio e alla convalida di certificati di competenza in

virtù delle disposizioni della convenzione STCW. Per chiarire il nesso tra le

disposizioni sull'abilitazione alternativa del capo VII e le disposizioni sulle

abilitazioni dei capi II, III e IV, le idoneità specificamente indicate nei livelli di

competenza sono state raggruppate nelle sette funzioni seguenti:

(1) Navigazione;

(2) Maneggio e stivaggio del carico;

(3) Controllo del governo della nave e assistenza alle persone a bordo;

(4) Macchine e motori marini;

(5) Apparecchiature elettriche, elettroniche e di controllo;

(6) Manutenzione e riparazioni;

(7) Comunicazioni radio,

ai seguenti livelli di responsabilità:

(1) Livello dirigenziale;

(2) Livello operativo;

(3) Livello ausiliario.

Le funzioni e i livelli di responsabilità sono definiti dai sottotitoli delle tavole dei livelli di

competenza contenute nella parte A, capi II, III e IV del codice STCW.

CAPO II

COMANDANTE E SEZIONE DI COPERTA

Regola II/1

Requisiti minimi obbligatori per l'abilitazione degli ufficiali responsabili della guardia di

navigazione su navi di 500 o più tonnellate di stazza lorda

1. Ogni ufficiale responsabile della guardia di navigazione che presti servizio su navi

marittime di 500 o più TSL deve possedere un certificato di competenza.

2. Ogni candidato all'abilitazione deve:

2.1. avere almeno 18 anni;

2.2. aver prestato un servizio di navigazione riconosciuto per un periodo non inferiore a

12 mesi nell'ambito di un programma di formazione riconosciuto, in cui sia compresa

un'attività di formazione a bordo conformemente alle prescrizioni della sezione AII/

1 del codice STCW, e che sia documentato in un registro di formazione riconosciuto, oppure aver prestato un servizio di navigazione riconosciuto per un periodo non inferiore a 36 mesi;

2.3. aver prestato, durante il prescritto servizio di navigazione, servizi di guardia sul

ponte sotto la supervisione del comandante o di un ufficiale qualificato per almeno

sei mesi;

2.4. avere i requisiti applicabili previsti dalle regole del capo IV, ove prescritti per

l'espletamento dei servizi radio definiti in conformità delle norme radio;

2.5. aver frequentato con esito positivo i previsti corsi di istruzione e di formazione

riconosciuti e avere una competenza del livello indicato alla sezione A-II/1 del

codice STCW;

2.6. avere una competenza del livello indicato alla sezione A-VI/1, paragrafo 2, sezione

A-VI/2 paragrafi da 1 a 4, sezione A-VI/3 paragrafi da 1 a 4 e sezione A-VI/4

paragrafi da 1 a 3 del codice STCW.

Regola II/2

Requisiti minimi obbligatori per l'abilitazione dei comandanti e dei primi ufficiali di

coperta di navi di 500 o più tonnellate di stazza lorda

Comandante e primo ufficiale di coperta di navi di 3000 o più TSL

1. Ogni comandante e primo ufficiale di coperta di navi marittime di 3000 o più TSL

devono possedere un certificato di competenza.

2. Ogni candidato all'abilitazione deve:

2.1. avere i requisiti per l'abilitazione in qualità di ufficiale responsabile della guardia di

navigazione su navi di 500 o più TSL ed aver prestato un servizio di navigazione

riconosciuto in quel compito:

2.1.1. per l'abilitazione quale primo ufficiale di coperta, per non meno di 12 mesi; e,

2.1.2. per l'abilitazione quale comandante, per non meno di 36 mesi; tuttavia questo periodo

può essere ridotto a non meno di 24 mesi se almeno 12 mesi di tale servizio di

navigazione sono stati prestati in qualità di primo ufficiale di coperta;

2.2. avere frequentato con esito positivo i previsti corsi di istruzione e formazione

riconosciuti e avere una competenza del livello indicato alla sezione A-II/2 del

codice STCW per i comandanti e i primi ufficiali di coperta di navi di 3000 e più

TSL.

Comandante e primo ufficiale di coperta di navi tra le 500 e le 3000 TSL

1. Ogni comandante e primo ufficiale di coperta di navi marittime tra le 500 e le 3000

TSL deve possedere un certificato di competenza.

2. Ogni candidato all'abilitazione deve:

2.1. per l'abilitazione quale primo ufficiale di coperta, possedere i requisiti per

l'abilitazione in qualità di ufficiale responsabile della guardia di navigazione su navi

di 500 o più TSL;

2.2. per l'abilitazione quale comandante, possedere i requisiti per l'abilitazione in qualità

di ufficiale responsabile della guardia di navigazione su navi di 500 o più TSL e aver

prestato un servizio di navigazione riconosciuto in quel compito per non meno di

36 mesi; tuttavia questo periodo può essere ridotto a non meno di 24 mesi se almeno

12 mesi di tale servizio di navigazione sono stati prestati in qualità di primo ufficiale

di coperta;

2.3. aver frequentato con esito positivo i previsti corsi di formazione riconosciuta e avere

una competenza del livello indicato alla sezione A-II/2 del codice STCW per i

comandanti e i primi ufficiali di coperta di navi tra le 500 e le 3000 TSL.

Regola II/3

Requisiti minimi obbligatori per l'abilitazione di ufficiali responsabili della guardia di

navigazione e di comandanti di navi di TSL inferiore a 500

Navi non adibite a viaggi costieri

1. Ogni ufficiale responsabile della guardia di navigazione che presti servizio su una

nave marittima di stazza lorda inferiore a 500 t non adibita a viaggi costieri deve

possedere un certificato di competenza per navi di 500 o più TSL.

2. Ogni comandante in servizio su una nave marittima di stazza lorda inferiore a 500 t

non adibita a viaggi costieri deve possedere un certificato di competenza per il

servizio in qualità di comandante di navi tra le 500 e le 3000 TSL.

Navi adibite a viaggi costieri

Ufficiale responsabile della guardia di navigazione

1. Ogni ufficiale responsabile della guardia di navigazione su navi marittime di stazza

lorda inferiore a 500 t adibite a viaggi costieri deve possedere un certificato di

competenza.

2. Ogni candidato all'abilitazione in qualità di ufficiale responsabile della guardia di

navigazione su navi marittime di stazza lorda inferiore a 500 t adibite a viaggi

costieri deve:

2.1. avere almeno 18 anni;

2.2. aver effettuato:

2.2.1. un addestramento speciale, ivi compreso un adeguato periodo di servizio di

navigazione, come stabilito dallo Stato membro; oppure

2.2.2. un servizio di navigazione riconosciuto nella sezione di coperta per un periodo non

inferiore a 36 mesi;

2.3. avere i requisiti applicabili prescritti dalle regole del capo IV, ove necessari per

espletare i servizi radio definiti in conformità delle norme radio;

2.4. aver frequentato con esito positivo i previsti corsi di istruzione e di formazione

riconosciuti e avere una competenza del livello indicato alla sezione A-II/3 del

codice STCW per gli ufficiali responsabili della guardia di navigazione su navi di

stazza lorda inferiore a 500 t adibite a viaggi costieri;

2.5. avere una competenza del livello indicato alla sezione A-VI/1, paragrafo 2, sezione

A-VI/2 paragrafi da 1 a 4, sezione A-VI/3 paragrafi da 1 a 4 e sezione A-VI/4

paragrafi da 1 a 3 del codice STCW.

Comandante

Ogni comandante che presti servizio su navi marittime di stazza lorda inferiore a 500 t adibite

a viaggi costieri deve possedere un certificato di competenza.

1. Ogni candidato all'abilitazione in qualità di comandante di navi marittime di stazza

lorda inferiore a 500 t adibite a viaggi costieri deve:

1.1. avere almeno 20 anni;

1.2. aver prestato un servizio di navigazione riconosciuto in qualità di ufficiale

responsabile della guardia di navigazione per un periodo di non meno di 12 mesi;

1.3. aver frequentato con esito positivo i previsti corsi di istruzione e di formazione

riconosciuti e avere una competenza del livello indicato alla sezione A-II/3 del

codice STCW per i comandanti di navi di stazza lorda inferiore a 500 t adibite a

viaggi costieri;

1.4. avere una competenza del livello indicato alla sezione A-VI/1, paragrafo 2, sezione

A-VI/2 paragrafi da 1 a 4, sezione A-VI/3 paragrafi da 1 a 4 e sezione A-VI/4

paragrafi da 1 a 3 del codice STCW.

2. Dispense

L'amministrazione, se considera che le dimensioni di una nave e le condizioni di viaggio

siano tali da rendere l'applicazione di tutti i requisiti previsti alla presente regola e alla sezione

A-II/3 del codice STCW esorbitanti o inattuabili, può, nella misura che ritiene opportuna,

dispensare il comandante e l'ufficiale responsabile della guardia di navigazione su tale nave o

classe di navi da alcuni dei requisiti, tenendo presente la sicurezza di tutte le navi che

potrebbero essere operanti nelle stesse acque.

Regola II/4

Requisiti minimi obbligatori per l'abilitazione dei marinai facenti parte di una guardia

di navigazione

1. Ogni marinaio facente parte di una guardia di navigazione su navi marittime di 500 o

più TSL, che non sia un marinaio che stia compiendo la formazione o un marinaio i

cui compiti, mentre è di guardia, sono di natura tale da non richiedere

specializzazione, deve possedere un certificato adeguato allo svolgimento dei propri

compiti.

2. Ogni candidato all'abilitazione deve:

2.1. avere almeno 16 anni;

2.2. aver effettuato:

2.3. un servizio di navigazione riconosciuto comprendente almeno sei mesi di formazione

e di pratica; oppure

2.4. un addestramento speciale, a terra o a bordo, comprendente un periodo di servizio di

navigazione riconosciuto che non sia inferiore a due mesi;

2.5. avere una competenza del livello indicato alla sezione A-II/4 del codice STCW.

3. Il servizio di navigazione, la formazione e la pratica di cui ai punti 2.2.1 e 2.2.2

devono essere associati con funzioni attinenti alla guardia di navigazione e

comportare l'esecuzione di compiti sotto la supervisione diretta del comandante,

dell'ufficiale responsabile della guardia di navigazione o di un marinaio qualificato.

Regola II/5

Requisiti minimi obbligatori per l'abilitazione di marinai in qualità di marittimi esperti

di coperta

1. Ogni marittimo esperto di coperta in servizio su una nave di 500 o più TSL, deve

possedere un certificato adeguato.

2. Ogni candidato all'abilitazione deve:

2.1. avere almeno 18 anni;

2.2. possedere i requisiti per l'abilitazione dei marinai facenti parte di una guardia di

navigazione;

2.3. pur essendo qualificato per servire come marinaio facente parte di una guardia di

navigazione, deve avere un servizio di navigazione riconosciuto nella sezione di

coperta:

2.3.1. non inferiore a 18 mesi , oppure

2.3.2. non inferiore a 12 mesi e aver completato la formazione riconosciuta; e,

2.4. avere una competenza del livello indicato alla sezione A-II/5 del codice STCW.

3. Ogni Stato membro raffronta i livelli di competenza da esso previsti per i

marittimi esperti, per quanto riguarda il rilascio di certificati da emettersi entro il

1° gennaio 2012, con quelli indicati per i certificati di cui alla sezione A-II/5 del

codice STCW e, se necessario, stabiliscono la necessità per questo tipo di personale

di aggiornare le proprie qualifiche.

4. Fino al 1° gennaio 2017, uno Stato membro che è anche parte della "International

Labour Organisation Certification of Able Seamen Convention" (Convenzione

dell'Organizzazione internazionale del lavoro per la certificazione dei marittimi

esperti) del 1946 (N. 74), può continuare a rinnovare e prorogare certificati e

convalide in conformità alle disposizioni della suddetta convenzione.

5. Uno Stato membro può ritenere che un marittimo abbia i requisiti previsti dalla

presente regola quando ha prestato servizio nella qualità pertinente nella sezione di

coperta per un periodo di almeno 12 mesi durante i 60 mesi che precedono l'entrata

in vigore della presente direttiva.

CAPO III

REPARTO MACCHINE

Regola III/1

Requisiti minimi obbligatori per l'abilitazione a ufficiale responsabile della guardia in

macchina in un locale macchine presidiato o a ufficiale addetto al servizio in macchina

in un locale macchine periodicamente non presidiato

1. Ogni ufficiale responsabile della guardia in macchina in un locale macchine

presidiato od ogni ufficiale di macchina addetto al servizio in un locale macchine

periodicamente non presidiato, in servizio su navi marittime aventi un apparato

motore di propulsione principale di potenza pari o superiore a 750 kW, deve

possedere un certificato di competenza.

2. Ogni candidato all'abilitazione deve:

2.1. avere almeno 18 anni;

2.2. aver completato una formazione di specializzazione in laboratorio combinata e

aver prestato un servizio di navigazione riconosciuto per un periodo non inferiore a

12 mesi nell'ambito di un programma di formazione riconosciuto, in cui sia compresa

attività di formazione a bordo conformemente alle prescrizioni della sezione A-III/1

del codice STCW, e che sia documentato in un registro di formazione riconosciuto,

oppure aver completato una formazione di specializzazione in laboratorio combinata

e aver prestato un servizio di navigazione riconosciuto per un periodo non inferiore a

36 mesi di cui almeno 30 mesi di servizio di navigazione nel reparto macchine;

2.3. aver prestato, durante il prescritto servizio di navigazione, servizi di guardia in un

locale macchine sotto la supervisione del direttore di macchina o di un ufficiale

qualificato per almeno sei mesi;

2.4. aver frequentato con esito positivo i previsti corsi di istruzione e di formazione

riconosciuti e avere una competenza del livello indicato alla sezione A-III/1 del

codice STCW;

2.5. avere una competenza del livello indicato alla sezione A-VI/1, paragrafo 2, sezione

A-VI/2 paragrafi da 1 a 4, sezione A-VI/3 paragrafi da 1 a 4 e sezione A-VI/4

paragrafi da 1 a 3 del codice STCW.

Regola III/2

Requisiti minimi obbligatori per l'abilitazione a direttore di macchina e a primo ufficiale

di macchina su navi aventi un apparato motore di propulsione principale di potenza

pari o superiore a 3000 kW

1. Ogni direttore di macchina ed ogni primo ufficiale di macchina in servizio su navi

marittime, aventi un apparato motore di propulsione principale di potenza pari o

superiore a 3000 kW, deve possedere un certificato di competenza.

2. Ogni candidato all'abilitazione deve:

2.1. avere i requisiti per l'abilitazione in qualità di ufficiale responsabile della guardia in

macchina su navi aventi un apparato motore di propulsione principale di potenza pari

o superiore a 750 kW ed aver prestato un servizio di navigazione riconosciuto in tale

compito:

2.1.1. per l'abilitazione in qualità di primo ufficiale di macchina, non meno di 12 mesi

come ufficiale di macchina qualificato; e,

2.1.2. per l'abilitazione a direttore di macchina, non meno di 36 mesi, tuttavia questo

periodo può essere ridotto a non meno di 24 mesi se almeno 12 mesi di tale servizio

di navigazione sono stati prestati in qualità di primo ufficiale di macchina; e,

2.2. aver frequentato con esito positivo i previsti corsi di istruzione e di formazione

riconosciuti e avere una competenza del livello indicato alla sezione A-III/2 del

codice STCW.

Regola III/3

Requisiti minimi obbligatori per l'abilitazione a direttore di macchina e a primo ufficiale

di macchina su navi aventi un apparato motore di propulsione principale di potenza

compresa tra 750 e 3000 kW

1. Ogni direttore di macchina ed ogni primo ufficiale di macchina, in servizio su navi

marittime aventi un apparato motore di propulsione principale di potenza compresa

tra 750 e 3000 kW, deve possedere un certificato di competenza.

2. Ogni candidato all'abilitazione deve:

2.1. possedere i requisiti per l'abilitazione in qualità di ufficiale responsabile della guardia

in macchina;

2.1.1. per l'abilitazione in qualità di primo ufficiale di macchina, avere un servizio di

navigazione riconosciuto non inferiore a 12 mesi prestato come allievo ufficiale di

macchina o ufficiale di macchina; e,

2.1.2. per l'abilitazione in qualità di direttore di macchina, avere un servizio di navigazione

riconosciuto non inferiore a 24 mesi di cui non meno di 12 mesi essendo qualificato a

prestare servizio come primo ufficiale di macchina;

2.2. aver frequentato con esito positivo i previsti corsi di istruzione e di formazione

riconosciuti e avere una competenza del livello indicato alla sezione A-III/3 del

codice STCW.

3. Ogni ufficiale di macchina che sia qualificato a prestare servizio come primo

ufficiale di macchina su navi aventi un apparato motore di propulsione principale di

potenza pari o superiore a 3000 kW può prestare servizio come direttore di macchina

su navi aventi un apparato motore di propulsione principale di potenza inferiore a

3000 kW purché il certificato attesti tale circostanza.

Regola III/4

Requisiti minimi obbligatori per l'abilitazione a marinaio facente parte di una guardia

in un locale macchine presidiato o addetto al servizio in macchina in un locale macchine

periodicamente non presidiato

1. Ogni marinaio facente parte di una guardia in un locale macchine presidiato o

addetto al servizio in macchina in un locale macchine periodicamente non presidiato,

su navi marittime aventi un apparato motore di potenza pari o superiore a 750 kW,

che non sia un marinaio che stia compiendo la formazione o un marinaio i cui

compiti sono di natura che non richiede specializzazione, deve possedere un

certificato adeguato allo svolgimento dei propri compiti.

2. Ogni candidato all'abilitazione deve:

2.1. avere almeno 16 anni;

2.2. aver effettuato:

2.2.1. un servizio di navigazione riconosciuto comprendente almeno sei mesi di formazione

e di pratica; oppure

2.2.2. un addestramento speciale, a terra o a bordo, comprendente un periodo di servizio di

navigazione riconosciuto che non sia inferiore a due mesi;

2.3. avere una competenza del livello indicato alla sezione A-III/4 del codice STCW.

3. Il servizio di navigazione, la formazione e la pratica di cui ai punti 2.2.1 e 2.2.2

devono essere associati a funzioni attinenti alla guardia dei locali macchine e

comportare l'esecuzione di compiti sotto la supervisione diretta di un ufficiale di

macchina qualificato o di un marinaio qualificato.

Regola III/5

Requisiti minimi obbligatori per l'abilitazione a marinaio esperto di macchina in un

locale macchine presidiato o addetto al servizio in macchina in un locale macchine

periodicamente non presidiato

1. Ogni marittimo esperto di macchina in servizio su una nave avente un apparato

motore di potenza pari o superiore a 750 kW deve possedere un certificato adeguato.

2. Ogni candidato all'abilitazione deve:

2.1. avere almeno 18 anni;

2.2. possedere i requisiti per l'abilitazione a marinaio facente parte di una guardia in un

locale macchine presidiato o addetto al servizio in macchina in un locale macchine

periodicamente non presidiato;

2.3. pur essendo qualificato per servire come marinaio facente parte di una guardia di

macchina, deve avere un servizio di navigazione riconosciuto nel reparto macchine:

2.3.1. non inferiore a 12 mesi , oppure

2.3.2. non inferiore a 6 mesi e aver completato la formazione riconosciuta; e,

2.4. avere una competenza del livello indicato alla sezione A-III/5 del codice STCW.

3. Ogni Stato membro raffronta i livelli di competenza da esso previsti per i marinai

del reparto macchine per quanto riguarda il rilascio di certificati da emettere entro il

1° gennaio 2012, con quelli indicati per i certificati di cui alla sezione A-III/5 del

codice STCW e, se necessario, stabilisce la necessità per questo tipo di personale di

aggiornare le proprie qualifiche.

4. Uno Stato membro può ritenere che un marittimo abbia i requisiti previsti dalla

presente regola quando ha prestato servizio nella qualità pertinente nel reparto

macchine per un periodo di almeno 12 mesi durante i 60 mesi che precedono l'entrata

in vigore della presente direttiva.

Regola III/6

Requisiti minimi obbligatori per l'abilitazione a ufficiale elettrotecnico

1. Ogni ufficiale elettrotecnico in servizio su navi marittime, aventi un apparato motore

di propulsione principale di potenza pari o superiore a 750 kW, deve possedere un

certificato di competenza.

2. Ogni candidato all'abilitazione deve:

2.1. avere almeno 18 anni;

2.2. aver completato una formazione di specializzazione in laboratorio combinata di

almeno 12 mesi e aver prestato un servizio di navigazione riconosciuto per un

periodo non inferiore a 6 mesi nell'ambito di un programma di formazione

riconosciuto conforme ai requisiti della sezione A-III/6 del codice STCW, e che sia

documentato in un registro di formazione riconosciuto, oppure aver completato una

formazione di specializzazione in laboratorio combinata di almeno 36 mesi e aver

prestato un servizio di navigazione riconosciuto di cui almeno 30 mesi di servizio di

navigazione nel reparto macchine; e,

2.3. aver frequentato con esito positivo i previsti corsi di istruzione e di formazione

riconosciuti e avere una competenza del livello indicato alla sezione A-III/6 del

codice STCW.

3. Ogni Stato membro raffronta i livelli di competenza da esso previsti per gli

ufficiali elettrotecnici, per quanto riguarda il rilascio di certificati da emettersi entro

il 1° gennaio 2012, con quelli indicati per i certificati di cui alla sezione A-III/6 del

codice STCW e, se necessario, stabilisce la necessità per questo tipo di personale di

aggiornare le proprie qualifiche.

4. Uno Stato membro può ritenere che un marittimo abbia i requisiti previsti dalla

presente regola quando ha prestato servizio a bordo nella qualità pertinente per un

periodo di almeno 12 mesi durante i 60 mesi che precedono l'entrata in vigore della

presente direttiva e ha un livello di competenza specificato alla sezione A-III/6 del

codice STCW.

5. Nonostante i summenzionati requisiti prescritti ai paragrafi da 1 a 4, uno Stato

membro può ritenere una persona opportunamente qualificata in grado di svolgere

determinate funzioni di cui alla sezione A-III/6.

Regola III/7

Requisiti minimi obbligatori per l'abilitazione a marinaio elettrotecnico

1. Ogni marinaio elettrotecnico in servizio su una nave avente un apparato motore di

potenza pari o superiore a 750 kW deve possedere un certificato adeguato.

2. Ogni candidato all'abilitazione deve:

(1) avere almeno 18 anni;

(2) avere completato un servizio di navigazione riconosciuto comprendente

almeno 12 mesi di formazione e di pratica; o

(3) aver completato una formazione riconosciuta, tra cui un periodo di servizio

riconosciuto di navigazione non inferiore a 6 mesi; oppure

(4) disporre di qualifiche che soddisfano le competenze tecniche di cui alla tabella

A-III/7 del codice STCW e un periodo riconosciuto di servizio di navigazione,

non inferiore a 3 mesi; e,

(5) avere una competenza del livello indicato alla sezione A-III/7 del codice

STCW.

3. Ogni Stato membro raffronta i livelli di competenza da esso previsti per i marinai

elettrotecnici, per quanto riguarda il rilascio di certificati da emettersi entro il

1° gennaio 2012, con quelli indicati per i certificati di cui alla sezione A-III/7 del

codice STCW e, se necessario, stabilisce la necessità per questo tipo di personale di

aggiornare le proprie qualifiche.

4. Uno Stato membro può ritenere che un marittimo abbia i requisiti previsti dalla

presente regola quando ha prestato servizio a bordo nella qualità pertinente per un

periodo di almeno 12 mesi durante i 60 mesi che precedono l'entrata in vigore della

presente direttiva e ha un livello di competenza specificato alla sezione A-III/7 del

codice STCW.

5. Nonostante i summenzionati requisiti prescritti ai paragrafi da 1 a 4, uno Stato

membro può ritenere una persona opportunamente qualificata in grado di svolgere

determinate funzioni di cui alla sezione A-III/7.

CAPO IV

PERSONALE ADDETTO ALLE RADIOCOMUNICAZIONI E

AI SERVIZI RADIO

Nota esplicativa

Le disposizioni obbligatorie relative alla guardia radio sono stabilite dalle norme radio e dalla

convenzione SOLAS 74, nella versione modificata. Le disposizioni per la manutenzione delle

apparecchiature radio figurano nella convenzione SOLAS 74, nella versione modificata, e

negli orientamenti adottati dall'IMO.

Regola IV/1

Applicazione

1. Fatto salvo il disposto del punto 2, le disposizioni del presente capitolo si applicano

ai radio operatori su navi che operano nell'ambito del sistema globale di soccorso e

sicurezza in mare (GMDSS), come stabilito dalla convenzione SOLAS 74, nella

versione modificata.

2. Il personale addetto ai servizi radio su navi che non sono tenute a conformarsi alle

disposizioni del GMDSS contenute nel capo IV della convenzione SOLAS 74 non è

obbligato a conformarsi alle disposizioni del presente capo. Tuttavia, i radio operatori

in servizio su tali navi devono conformarsi alle norme radio. L'amministrazione

provvede affinché siano rilasciati o riconosciuti certificati adeguati per tali

radio operatori come prescritto dalle norme radio.

Regola IV/2

Requisiti minimi obbligatori per l'abilitazione di radio operatori addetti ai servizi

GMDSS

1. Chiunque sia responsabile o incaricato dell'espletamento di servizi radio su navi

tenute a partecipare al GMDSS deve possedere un certificato adeguato relativo al

GMDSS, rilasciato o riconosciuto dall'amministrazione ai sensi delle disposizioni

delle norme radio.

2. Inoltre, ogni candidato alla certificazione di competenza, a norma della presente

regola, per il servizio su navi per le quali la convenzione SOLAS 74, nella versione

modificata, stabilisce che devono disporre di un'apparecchiatura radio, deve:

2.1. avere almeno 18 anni; e,

2.2. aver frequentato con esito positivo i previsti corsi di istruzione e di formazione

riconosciuti e avere una competenza del livello indicato alla sezione A-IV/2 del

codice STCW.

CAPO V

REQUISITI PARTICOLARI RELATIVI ALLA FORMAZIONE

DEL PERSONALE DI TALUNI TIPI DI NAVI

Regola V/1-1

Requisiti minimi obbligatori relativi alla formazione e alle qualifiche di comandanti,

ufficiali e marinai di navi petroliere e chimichiere

1. Ufficiali e marinai addetti a compiti specifici e demandati ad assumere responsabilità

in relazione al carico ed alle attrezzature per il carico su navi petroliere o chimichiere

devono possedere un certificato che attesta una formazione di base per operazioni di

carico su navi petroliere e chimichiere.

2. Ogni candidato a ottenere un certificato di formazione di base per operazioni di

carico su navi petroliere e chimichiere deve avere completato una formazione di base

a norma delle disposizioni della sezione A-VI/1 del codice STCW e deve aver

completato:

(1) almeno tre mesi di servizio di navigazione riconosciuto su navi petroliere o

chimichiere e avere i livelli di competenza previsti alla sezione A-V/1-1,

paragrafo 1 del codice STCW; oppure

(2) aver seguito una formazione di base riconosciuta per operazioni di carico su

navi petroliere o chimichiere e avere i livelli di competenza previsti alla

sezione A-V/1-1, paragrafo 1 del codice STCW.

3. I comandanti, i direttori di macchina, i primi ufficiali di coperta, i primi ufficiali di

macchina e chiunque altro abbia diretta responsabilità delle operazioni di carico,

scarico, e sovrintenda alle operazioni di transito o maneggio del carico, pulizia delle

cisterne o altre operazioni connesse al carico, devono possedere un certificato che

attesta una formazione avanzata nelle operazioni relative al carico delle petroliere.

4. Ogni candidato a ottenere un certificato di formazione avanzata per operazioni di

carico su navi petroliere:

(1) deve possedere i requisiti per la certificazione nella formazione di base per

operazioni di carico su navi petroliere e chimichiere; e,

(2) pur essendo qualificato per la certificazione nella formazione di base per

operazioni di carico su navi petroliere e chimichiere:

(3) deve avere almeno tre mesi di servizio di navigazione riconosciuto su

petroliere, oppure

(a) almeno un mese di formazione riconosciuta a bordo di petroliere a titolo di

soprannumerario che comprenda almeno tre operazioni di carico e scarico e sia

documentata in un registro di formazione riconosciuto tenendo conto degli

orientamenti di cui alla sezione B-V/1 del codice STCW e

 (b) aver completato una formazione avanzata riconosciuta per operazioni di carico

su navi petroliere e avere i livelli di competenza previsti alla sezione A-V/1-1,

paragrafo 2 del codice STCW.

5. I comandanti, i direttori di macchina, i primi ufficiali di coperta, i primi ufficiali di

macchina e chiunque altro abbia diretta responsabilità delle operazioni di carico,

scarico, e sovrintenda alle operazioni di transito o maneggio del carico, pulizia delle

cisterne o altre operazioni connesse al carico, devono possedere un certificato che

attesta una formazione avanzata nelle operazioni relative al carico delle chimichiere.

6. Ogni candidato a ottenere un certificato di formazione avanzata per operazioni di

carico su navi chimichiere:

(1) deve possedere i requisiti per la certificazione nella formazione di base per

operazioni di carico su navi petroliere e chimichiere; e,

(2) pur essendo qualificato per la certificazione nella formazione di base per

operazioni di carico su navi petroliere e chimichiere:

(a) deve avere almeno tre mesi di servizio di navigazione riconosciuto su navi

chimichiere, oppure

(b) almeno un mese di formazione riconosciuta a bordo di chimichiere a titolo di

soprannumerario che comprenda almeno tre operazioni di carico e scarico e sia

documentata in un registro di formazione riconosciuto tenendo conto degli

orientamenti di cui alla sezione B-V/1 del codice STCW; e,

(3) aver completato una formazione avanzata riconosciuta per operazioni di carico

su navi chimichiere e avere i livelli di competenza previsti alla sezione A-V/1-

1, paragrafo 3 del codice STCW.

7. Gli Stati membri provvedono affinché ai comandanti e agli ufficiali aventi i requisiti

di cui ai paragrafi 2, 4 o 6, a seconda dei casi, sia rilasciato un certificato di idoneità

o sia debitamente convalidato un certificato di competenza o un certificato di

idoneità esistente.

Regola V/1-2

Requisiti minimi obbligatori relativi alla formazione e alle qualifiche di comandanti,

ufficiali e marinai di navi gasiere

1. Ufficiali e marinai addetti a compiti specifici e demandati ad assumere responsabilità

in relazione al carico ed alle attrezzature per il carico su navi gasiere devono

possedere un certificato che attesta una formazione di base per operazioni di carico

su navi gasiere.

2. Ogni candidato a ottenere un certificato di formazione di base per operazioni di

carico su navi gasiere deve avere completato una formazione di base a norma delle

disposizioni della sezione A-VI/1 del codice STCW e deve aver completato:

 (1) almeno tre mesi di servizio di navigazione riconosciuto su navi gasiere e avere

i livelli di competenza previsti alla sezione A-V/1-2, paragrafo 1 del codice

STCW; oppure

(2) aver seguito una formazione di base riconosciuta per operazioni di carico su

navi gasiere e avere i livelli di competenza previsti alla sezione A-V/1-2,

paragrafo 1 del codice STCW.

3. I comandanti, i direttori di macchina, i primi ufficiali di coperta, i primi ufficiali di

macchina e chiunque altro abbia diretta responsabilità delle operazioni di carico,

scarico, e sovrintenda alle operazioni di transito o maneggio del carico, pulizia delle

cisterne o altre operazioni connesse al carico, devono possedere un certificato che

attesta una formazione avanzata nelle operazioni relative al carico delle navi gasiere.

4. Ogni candidato a ottenere un certificato di formazione avanzata per operazioni di

carico su navi gasiere:

(1) deve possedere i requisiti per la certificazione nella formazione di base per

operazioni di carico su navi gasiere; e,

(2) pur essendo qualificato per la certificazione nella formazione di base per

operazioni di carico su navi gasiere:

(a) deve avere almeno tre mesi di servizio di navigazione riconosciuto su navi

gasiere, oppure

(b) almeno un mese di formazione riconosciuta a bordo di navi gasiere, a titolo di

soprannumerario, che comprenda almeno tre operazioni di carico e scarico e sia

documentata in un registro di formazione riconosciuto tenendo conto degli

orientamenti di cui alla sezione B-V/1 del codice STCW; e,

(3) aver completato una formazione avanzata riconosciuta per operazioni di carico

su navi gasiere e avere i livelli di competenza previsti alla sezione A-V/1-2,

paragrafo 2 del codice STCW.

5. Gli Stati membri provvedono affinché ai marittimi aventi i requisiti di cui ai

paragrafi 2 o 4, a seconda dei casi, sia rilasciato un certificato di idoneità o sia

debitamente convalidato un certificato di competenza o un certificato di idoneità

esistente.

Regola V/2

Requisiti minimi obbligatori relativi alla formazione e all'abilitazione di comandanti,

ufficiali, marinai e altro personale di navi passeggeri

1. La presente regola si applica a comandanti, ufficiali, marinai e altro personale in

servizio a bordo di navi passeggeri, che effettuano viaggi internazionali. Gli Stati

membri determinano l'applicabilità dei requisiti di cui alla presente regola al

personale che presta servizio su navi passeggeri che effettuano viaggi nazionali.

2. Prima di essere demandati a qualsiasi funzione di servizio a bordo di navi passeggeri,

i marittimi devono aver frequentato con esito positivo i corsi di formazione di cui ai

paragrafi da 4 a 7 in fra, in funzione della qualifica, dei compiti e delle responsabilità

individuali.

3. I marittimi che sono tenuti a seguire i corsi di formazione di cui ai punti 4, 6 e 7

devono, a intervalli non superiori a cinque anni, frequentare appositi corsi di

aggiornamento o devono dimostrare di aver raggiunto i livelli di competenza previsti

nei cinque anni precedenti.

4. I comandanti, gli ufficiali e l'altro personale addetto sul ruolo di bordo ad assistere i

passeggeri in situazioni di emergenza a bordo di navi passeggeri devono aver

completato con esito positivo i corsi di formazione in materia di gestione della folla,

come specificato alla sezione A-V/2, paragrafo 1, del codice STCW.

5. Il personale incaricato di servire direttamente i passeggeri negli spazi loro riservati a

bordo di navi passeggeri deve aver completato con esito positivo i corsi di

formazione in materia di sicurezza specificati alla sezione A-V/2, paragrafo 2, del

codice STCW.

6. I comandanti, i primi ufficiali di coperta, i direttori di macchina, i primi ufficiali di

macchina e qualsiasi altro personale addetto sul ruolo di bordo, responsabile della

sicurezza dei passeggeri in situazioni di emergenza a bordo di navi passeggeri,

devono aver frequentato con esito positivo i corsi di formazione riconosciuti in

materia di gestione delle situazioni di crisi e comportamento umano, come

specificato alla sezione A-V/2, paragrafo 3, del codice STCW.

7. I comandanti, i primi ufficiali di coperta, i direttori di macchina, i primi ufficiali di

macchina e chiunque altro abbia diretta responsabilità delle operazioni di imbarco e

sbarco dei passeggeri, di carico, scarico e stivaggio del carico o di chiusura dei

portelli dello scafo a bordo di navi passeggeri ro-ro, devono aver frequentato con

esito positivo i corsi di formazione riconosciuti in materia di sicurezza dei

passeggeri, sicurezza del carico e protezione dello scafo, come specificato alla

sezione A-V/2, paragrafo 4, del codice STCW.

8. Gli Stati membri provvedono a rilasciare la documentazione comprovante la

formazione conseguita a tutti coloro che risultano qualificati si sensi della presente

regola.

CAPO VI

FUNZIONI RELATIVE ALLE SITUAZIONI D'EMERGENZA,

ALLA SICUREZZA SUL LAVORO, ALLA SICUREZZA,

ALL'ASSISTENZA MEDICA E ALLA SOPRAVVIVENZA

Regola VI/1

Requisiti minimi obbligatori relativi all'addestramento, all'istruzione e alla formazione

di base in materia di sicurezza per tutta la gente di mare

1. Alla gente di mare devono essere impartiti l'addestramento, l'istruzione o la

formazione di base in materia di sicurezza conformemente al disposto della sezione

A-VI/1 del codice STCW e la sua competenza deve essere adeguata al livello ivi

indicato.

2. Qualora la formazione di base non sia prevista ai fini del rilascio di un certificato di

abilitazione, deve essere rilasciato, a seconda del caso, un certificato di idoneità

attestante che il titolare ha frequentato il corso di formazione di base.

Regola VI/2

Requisiti minimi obbligatori per il rilascio di certificati di idoneità all'uso di mezzi di

salvataggio (zattere, imbarcazioni di salvataggio e battelli di emergenza)

1. Ogni candidato al rilascio di un certificato di idoneità all'uso di mezzi di salvataggio

che non siano battelli di emergenza deve:

(1) avere almeno 18 anni;

(2) avere un servizio di navigazione riconosciuto di non meno di 12 mesi oppure

aver frequentato un corso di formazione riconosciuto ed avere un servizio di

navigazione riconosciuto di non meno di 6 mesi; e,

(3) avere una competenza del livello prescritto alla sezione A-VI/2, paragrafi da 1

a 4, del codice STCW per il rilascio dei certificati di idoneità all'uso di mezzi di

salvataggio.

2. Ogni candidato al rilascio di un certificato di idoneità all'uso di battelli di emergenza

deve:

(1) possedere un certificato di idoneità all'uso di mezzi di salvataggio che non

siano battelli di emergenza;

(2) aver frequentato un corso di formazione riconosciuto; e,

(3) avere una competenza del livello previsto alla sezione A-VI/2, paragrafi da 7 a

10, del codice STCW per il rilascio dei certificati di idoneità all'uso di battelli

di emergenza.

Regola VI/3

Requisiti minimi obbligatori relativi ai corsi di perfezionamento in tecniche antincendio

1. La gente di mare addetta al controllo di operazioni antincendio deve avere superato

un corso di perfezionamento in tecniche antincendio vertente in particolare

sull'organizzazione, le tattiche e il comando in conformità delle disposizioni della

sezione A-VI/3, paragrafi da 1 a 4, del codice STCW e deve avere una competenza

del livello ivi indicato.

2. Qualora un corso di perfezionamento in tecniche antincendio non sia previsto ai fini

del rilascio di un certificato di abilitazione, deve essere rilasciato, a seconda del caso,

un certificato di idoneità attestante che il titolare ha frequentato un corso di

perfezionamento in tecniche antincendio.

Regola VI/4

Requisiti minimi obbligatori in materia di pronto soccorso e assistenza medica

1. La gente di mare addetta al servizio di pronto soccorso a bordo di navi deve avere

una competenza in materia di pronto soccorso medico del livello indicato alla

sezione A-VI/4, paragrafi 1, 2 e 3, del codice STCW.

2. La gente di mare addetta a prestare assistenza medica a bordo di navi deve avere una

competenza in materia di assistenza medica del livello indicato alla sezione A-VI/4,

paragrafi 4, 5 e 6, del codice STCW.

3. Qualora l'addestramento in materia di pronto soccorso o di assistenza medica non sia

previsto ai fini del rilascio di un certificato di abilitazione, deve essere rilasciato, a

seconda del caso, un certificato di idoneità attestante che il titolare ha frequentato un

corso di addestramento in materia di pronto soccorso o di assistenza medica.

Regola VI/5

Requisiti minimi obbligatori per il rilascio di certificati di idoneità per ufficiali di

sicurezza della nave

1. Ogni candidato al rilascio di un certificato di idoneità come ufficiale di sicurezza

della nave deve:

(1) aver prestato un servizio di navigazione riconosciuto non inferiore a 12 mesi o

un servizio di navigazione adeguato e saper condurre la nave; e,

(2) avere una competenza del livello previsto alla sezione A-VI/5, paragrafi da 1 a

4, del codice STCW per il rilascio di certificati di idoneità di ufficiale di

sicurezza della nave.

2. Gli Stati membri provvedono a rilasciare un certificato di idoneità a tutti coloro che

risultano qualificati ai sensi della presente regola.

Regola VI/6

Requisiti minimi obbligatori relativi all'istruzione e alla formazione in materia di

sicurezza per tutti gli appartenenti alle gente di mare

1. Alla gente di mare devono essere impartiti l'addestramento in materia di sicurezza,

l'istruzione o la formazione di sensibilizzazione alla sicurezza, conformemente alla

sezione A-VI/6, paragrafo da 1 a 4 del codice STCW e la loro competenza deve

essere adeguata al livello ivi indicato.

2. Qualora la sensibilizzazione alla sicurezza non sia prevista ai fini del rilascio di un

certificato di abilitazione, deve essere rilasciato un certificato di idoneità attestante

che il titolare ha frequentato il corso di sensibilizzazione alla sicurezza.

3. Ogni Stato membro raffronta la formazione o istruzione connessa alla sicurezza

prevista per la gente di mare che detiene o può documentare abilitazioni prima

dell'entrata in vigore della presente direttiva, con quanto indicato alla sezione  

VI/6, paragrafo 4 del codice STCW e, se necessario, prevede per questo tipo di

personale la necessità di aggiornare le proprie qualifiche.

Gente di mare incaricata di mansioni attinenti alla sicurezza

4. La gente di mare che svolge mansioni attinenti alla sicurezza deve avere il livello di

competenza specificato alla sezione A-VI/6, paragrafi da 6 a 8, del codice STCW.

5. Qualora una formazione in compiti attinenti alla sicurezza non sia prevista ai fini del

rilascio di un certificato di abilitazione, deve essere rilasciato un certificato di

idoneità attestante che il titolare ha frequentato un corso di formazione in compiti

attinenti alla sicurezza.

6. Ogni Stato membro raffronta i livelli di formazione connessa alla sicurezza previsti

per la gente di mare che svolge mansioni attinenti alla sicurezza e che possiede o può

documentare abilitazioni prima dell'entrata in vigore della presente direttiva, con

quelli specificati alla sezione A-VI/6, paragrafo 8 del codice STCW e, se necessario,

prevede per questo tipo di personale la necessità di aggiornare le proprie qualifiche.

CAPO VII

CERTIFICATI ALTERNATIVI

Regola VII/1

Rilascio di certificati alternativi

1. In deroga ai requisiti per le abilitazioni di cui ai capi II e III dell'allegato, gli Stati

membri hanno facoltà di rilasciare o autorizzare il rilascio di certificati diversi da

quelli menzionati dalle regole dei capi suddetti, a condizione che:

(1) le relative funzioni e gradi di responsabilità attestati dal certificato o dalla

convalida dello stesso siano selezionati tra quelli indicati alle sezioni A-II/1, AII/

2, A-II/3, A-II/4, A-II/5, A-III/1, A-III/2, A-III/3, A-III/4, A-III/5 e A-IV/2,

del codice STCW e identici a quelli ivi indicati;

(2) i candidati abbiano frequentato con esito positivo i corsi di istruzione e di

formazione riconosciuti e abbiano le competenze dei livelli prescritti dalle

pertinenti sezioni del codice STCW, conformemente al disposto della sezione

A-VII/1 di detto codice, per le funzioni e i gradi di responsabilità che devono

essere attestati da tali certificati e convalide;

(3) i candidati abbiano prestato un servizio di navigazione riconosciuto adeguato

all'esecuzione delle funzioni e ai gradi di responsabilità indicati nel certificato.

La durata minima di tale servizio di navigazione deve essere equivalente alla

durata del servizio di navigazione prescritto ai capi II e III dell'allegato. In ogni

caso, la durata minima del servizio di navigazione non può essere inferiore a

quella prescritta dalla sezione A-VII/2 del codice STCW;

(4) i candidati all'abilitazione che dovranno svolgere funzioni di navigazione a

livello operativo abbiano i requisiti applicabili di cui alle regole del capo IV,

ove prescritti per l'espletamento dei servizi radio definiti in conformità delle

norme radio;

(5) i certificati siano rilasciati in conformità del disposto dell'articolo 2 e delle

disposizioni del capo VII del codice STCW.

2. Nessun certificato ai sensi del presente capo può essere rilasciato prima che uno

Stato membro abbia comunicato alla Commissione le informazioni prescritte dalla

convenzione STCW.

Regola VII/2

Abilitazione della gente di mare

Qualunque appartenente alla gente di mare addetto ad una o più funzioni tra quelle indicate

alle tabelle A-II/1, A-II/2, A-II/3, A-II/4 o A/II/5 del capo II o alle tabelle A-III/1, A-III/2, AIII/

3, A-III/4 o A-III/5 del capo III o A-IV/2 del capo IV del codice STCW deve possedere un

certificato di competenza o un certificato di idoneità, a seconda del caso.

Regola VII/3

Principi che disciplinano il rilascio di certificati alternativi

1. Se uno Stato membro decide di rilasciare o autorizzare il rilascio di certificati

alternativi, deve provvedere affinché siano rispettati i seguenti principi:

(1) nessun sistema alternativo di abilitazione può essere posto in vigore se non

offre garanzie di sicurezza in mare e di prevenzione dell'inquinamento di

livello almeno equivalente a quello risultante dalle disposizioni dei precedenti

capi;

(2) qualsiasi sistema alternativo di abilitazione ai sensi del presente capo deve

prevedere la possibilità di sostituire i certificati rilasciati ai sensi dello stesso

con quelli rilasciati ai sensi dei precedenti capi.

2. Il principio della sostituibilità dei certificati di cui al paragrafo 1 garantisce che:

(1) gli appartenenti alla gente di mare abilitati ai sensi del sistema di cui ai capi II

e/o III e quelli abilitati ai sensi del capo VII siano in grado di prestare

indifferentemente servizio su navi tradizionali od organizzate secondo altre

forme;

(2) la formazione della gente di mare non sia finalizzata a sistemi di

organizzazione di bordo specifici in maniera tale da renderla inidonea a

svolgere altrove la sua professione.

3. Il rilascio di qualunque certificato ai sensi del presente capo deve essere fondato sui

seguenti principi:

(1) il rilascio di certificati alternativi non deve essere finalizzato a:

(a) ridurre il numero dei membri dell'equipaggio a bordo;

 (b) abbassare il livello di professionalità o le qualifiche della gente di mare; oppure

(c) consentire l'assegnazione di compiti misti di ufficiale di guardia di macchina e

di coperta al titolare di un solo certificato nell'arco di un solo turno di guardia;

(2) alla persona in comando spetta il titolo di comandante; la posizione giuridica e

l'autorità del comandante e di chiunque altro non possono essere pregiudicate

dall'attuazione di sistemi di abilitazione alternativi.

4. I principi di cui ai punti 1 e 2 devono garantire il mantenimento delle competenze

degli ufficiali sia di coperta che di macchina.".

Allegato II

All'allegato II, il punto 3 è sostituito dal seguente:

"3. La Commissione, assistita dall'Agenzia europea per la sicurezza marittima e con

l'eventuale partecipazione degli Stati membri interessati, ha accertato, procedendo alla

valutazione della Parte in questione, che può includere l'ispezione di strutture e la verifica

delle procedure, che sono pienamente soddisfatti i requisiti della Convenzione relativi ai

livelli di competenza, di formazione e di abilitazione, nonché ai livelli di qualità.".

Allegato III

"ALLEGATO V

INFORMAZIONI DA TRASMETTERE ALLA COMMISSIONE A FINI STATISTICI

1. Quando è fatto riferimento al presente allegato, devono essere trasmesse le seguenti

informazioni specificate alla sezione A-I/2, paragrafo 9 del codice STCW per tutti i

certificati di competenza o convalide che attestano il loro rilascio, tutte le convalide

che attestano il riconoscimento di certificati di competenza rilasciati da altri paesi e

tutti i certificati di idoneità rilasciati a marinai:

Certificati di competenza (Cdc) / Convalide che ne attestano il rilascio (Car):

– codice unico del marittimo;

– nome del marittimo;

– data di nascita del marittimo;

– nazionalità del marittimo;

– sesso del marittimo;

– numero del Cdc convalidato;

– numero della Car;

– mansione(i);

– data di rilascio o data più recente di rinnovo del documento;

– data di scadenza;

– stato del certificato (valido, sospeso, annullato, smarrito, distrutto);

– limitazioni.

Convalide che attestano il riconoscimento di certificati di competenza rilasciati da altri paesi

(Car):

– codice unico del marittimo;

– nome del marittimo;

– data di nascita del marittimo;

– nazionalità del marittimo;

– sesso del marittimo;

– Stato che rilascia il Cdc originale;

– numero del Cdc originale;

– numero della Car;

– mansione(i);

– data di rilascio o data più recente di rinnovo del documento;

– data di scadenza;

– stato del documento;

– limitazioni.

Certificati di idoneità per marinai (Cdi) (se disponibili):

– codice unico del marittimo;

– nome del marittimo;

– data di nascita del marittimo;

– nazionalità del marittimo;

– sesso del marittimo;

– numero del Cdi;

– mansione(i);

– data di rilascio o data più recente di rinnovo del documento;

– data di scadenza;

– stato del documento.

2. Le informazioni soggette alla normativa sulla protezione dei dati personali possono

essere trasmesse in un formato che tutela l'anonimato.